Boom di chiamate per il ragno violino 

Pubblicato da in data 14 Luglio 2019

Boom di chiamate per il ragno violino

(Foto da Wikipedia, di Luis Fernandez Garcia)

Pubblicato il: 15/07/2019 15:17

Tante chiamate” sul ragno violino al Centro antiveleni del Policlinico Gemelli di Roma. “Ma possiamo tranquillizzare la popolazione: il ragno violino non è un animale pericoloso o velenoso, e nella maggior parte dei casi il suo morso provoca solo fenomeni locali di scarso significato clinico, come arrossamento, prurito e irritazione. Insomma, non c’è un ‘allarme ragno violino'”. Questo aracnide – il cui nome deriva da una macchia dalla forma caratteristica presente sul corpo – è “un animaletto schivo e solitario”, spiega all’AdnKronos Salute Paolo Maurizio Soave del Centro antiveleni del Gemelli. “Vive in campagna, nelle crepe fra i muri, e bisogna stuzzicarlo, anche involontariamente, perché arrivi a mordere, in genere per difesa”.

Ma perché il ragno violino spaventa tanto? Nel 2015 e nel 2017 si sono verificati due decessi in Italia, causati però dalle gravi patologie preesistenti dei due pazienti. Mentre le segnalazioni di morsi in queste settimane si moltiplicano in tutta Italia. “In generale però il danno è di tipo locale, con un edema che può evolvere in un’area necrotica e dare una piccola emorragia. In rari casi questo tipo di lesione può richiedere un piccolo intervento chirurgico”, precisa Soave.

Come riconoscere il morso di un ragno violino? “La lesione – continua l’esperto – è simile alla puntura di un’ape. In caso di un sospetto morso del ragno violino, non è assolutamente necessario allarmarsi e correre in pronto soccorso. Meglio consultare un Centro antiveleni, descrivendo le circostanze in cui è avvenuto il morso, i segni e i sintomi eventualmente presenti”. Talvolta, avverte Soave, il morso del ragno violino può causare anche un po’ di febbre.

“Non esistono antidoti o trattamenti farmacologici specifici: nei casi in cui si manifestino lesioni significative – continua il tossicologo – serve un trattamento farmacologico con antibiotici e cortisonici. Solo in rari casi, come già detto, può essere necessaria la toilette chirurgica della lesione”.

Ben più pericolosa del ragno violino è la malmignatta, “lontano parente della vedova nera”, che nei giorni scorsi ha punto un cinquantenne vicino a Barletta. “E’ più difficile imbattersi in una malmignatta, ma il suo morso è più pericoloso: può provocare il coinvolgimento del sistema nervoso. In questo caso esiste un antidoto specifico, anche se non è presente in tutti i centri”, conclude Soave.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background