“Io, imputato e fratello di una vittima di Rigopiano”  

di Silvia Mancinelli

C’è un uomo che, nella tragedia di Rigopiano del 18 gennaio 2017, veste entrambi i panni di familiare di una vittima e di imputato. E’ Massimiliano Giancaterino, ex sindaco di Farindola (in provincia di Pescara) e fratello di Alessandro, che nell’albergo travolto dalla valanga lavorava come capo cameriere.

Non mi sento in colpa – dice all’Adnkronos – ho la coscienza a posto, non ho nulla da rimproverarmi riguardo alla vicenda di Rigopiano. Sono sereno e aspetto con tranquillità le decisioni che la giustizia prenderà in ordine non solo alla mia posizione ma anche riguardo a quella di tutti gli altri imputati”.