Il fantasma della crisi  

Pubblicato da in data 18 Luglio 2019

Il fantasma della crisi

(Fotogramma)

Pubblicato il: 19/07/2019 07:04

Il fantasma della crisi aleggia sempre più forte a Palazzo Chigi. Ad accendere le polveri ci pensa Matteo Salvini, sempre irritato dal voto dei Cinque Stelle per l’elezione di Ursula Von der Leyen alla presidenza della Commissione Ue, che denuncia “di fatto un governo” tra pentastellati e Dem. “Da due giorni sono al governo insieme, per ora a Bruxelles…”, attacca il leader della Lega. Luigi Di Maio non ci sta e in una diretta Fb replica: “Capisco che si attacchi M5S per fare notizia e coprire le inchieste sui finanziamenti della Lega, ma questa è una falsità. E’ un attacco grave che io non posso permettere. Sono stufo, se la Lega vuole far cadere il governo, lo dica chiaramente e se ne assuma la responsabilità”.

La temperatura si alza e lo scontro nel governo esplode quando Salvini parla da Helsinki, dove prima ci scherza su (“La finestra elettorale è sempre aperta, guardate questo bel cielo…”), poi si fa serio e lancia l’ennesimo ultimatum al suo alleato mentre imperversa la bufera sul Carroccio il caso Savoini: “Non vedo governi diversi da questo: se i no prevalgono sui sì allora la via è quella del voto, sperando che non ci siano maggioranze raccolte sul marciapiede perché qualcuno non vuole mollare la poltrona”. Il Capitano vede nero, dice che è venuta meno la fiducia, “anche personale” verso il capo politico di M5S e annuncia che non andrà al Cdm. Anche se poi lo staff del segretario leghista precisa che “Salvini non ha mai collegato l’assenza agli impegni di domani a una perdita di fiducia”.

Di Maio riunisce il suo “gabinetto di guerra”. Presenti Stefano Buffagni, Riccardo Fraccaro e i capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli. “Siamo stati colpiti alle spalle – si sfoga il vicepremier – le offese e le falsità dette nelle ultime 48 ore contro il M5S non hanno precedenti. Anche contro di me. Un mare di fake news solo per screditarci, quel che è accaduto è gravissimo”. E aggiunge: “Il governo per noi va avanti perché siamo responsabili e leali, ma da quello che vedo la Lega vuole tornare con Berlusconi e se è così lo dica chiaramente, lo dica agli italiani. Dica la verità a chi gli ha dato il voto”. Nella riunione si parla anche dei prossimi obiettivi del M5S, dal salario minimo alla riduzione del numero dei parlamentari.

Dopo l’incontro, interpellato dall’AdnKronos, D’Uva assicura che non è intenzione del M5S dare vita a nuove maggioranze parlamentari: “Non esiste una maggioranza alternativa a quella attuale. Non esiste alcuna ipotesi di alleanza con il Partito democratico”, rimarca il presidente dei deputati grillini, che aggiunge: “Se il governo dovesse cadere, non sarà certo per volontà nostra. Noi vogliamo andare avanti per lavorare nell’interesse dei cittadini”.

Dallo stato maggiore del M5S le mosse di Salvini vengono lette come un tentativo di distrarre l’attenzione dal caso Moscopoli, ma le ultime vicende certificano il deterioramento dei rapporti tra le due forze di governo. Per qualche ora “Radio Montecitorio” sembra scommettere su una rottura in tempi brevi, con la Lega pronta al blitz del voto anticipato.

Per tutta la giornata tra Camera e Senato si rincorrono voci sullo “strappo di Matteo”, stanco di questo stop and go logorante, che rischia di bruciare i consensi conquistati alle ultime elezioni. Raccontano che Salvini sia sempre più tentato di staccare la spina all’esecutivo, e il pressing dei suoi è molto forte in questo senso. Ma ancora non sarebbe stata presa alcuna decisione.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background