“Italia già pronta a nuova corsa alla Luna”  

Pubblicato da in data 18 Luglio 2019

Italia già pronta a nuova corsa alla Luna

(Fotogramma /Ipa)

Pubblicato il: 19/07/2019 18:11

di Andreana d’Aquino

A 50 anni dall’approdo del primo uomo sul nostro satellite, sta già partendo la nuova corsa al ritorno sulla Luna. Nasa e Roscosmos stanno guardando ad una piattaforma orbitale lunare ed il nostro Paese vuole far parte della competizione. “L’Italia è già nella corsa al ritorno sulla Luna” ha detto all’Adnkronos il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Giorgio Saccoccia. “Grazie a tutti gli investimenti, i contributi diretti alle attività spaziali europee, noi -spiega- siamo i partner fondamentale nella corsa al ritorno sulla Luna”. “Il 2 maggio scorso sono arrivato all’Asi e già il 5 maggio ero a Washington a dialogare con la Nasa di un nostro coinvolgimento nel nuovo progetto Luna” riferisce ancora.

Nel progetto Lunar Orbital Platform-Gateway, la piattaforma orbitale lunare che sarà costruita da Nasa e Roscosmos a partire dal 2020, “ci saranno pochissimi elementi al momento dell’allunaggio previsto per il 2024. E noi italiani siamo già pronti ad offrire un modulo pressurizzato come paese contributore o direttamente con un accordo con la Nasa” spiega Saccoccia, ricordando le capacità tecnologiche e industriali dell’Italia che costruito già i moduli pressurizzati per la Stazione Spaziale Internazionale. Nel progetto di ritorno alla Luna, il numero uno dell’Asi riferisce che la Nasa, al momento, “preferisce agire nel progetto direttamente attraverso l’industria Usa e costituirà partnership solo inseguito. Noi abbiamo già forti accordi in questa direzione con i moduli Cygnus“, il veicolo spaziale di rifornimento sviluppato da Orbital Atk e Thales Alenia Space Italia a Torino.

“Pensiamo di guardare in quella direzione e se le nostre industrie avranno l’Ok” sul progetto Lunar Gateway, “noi agiremo come Asi da forte supporto” sottolinea ancora Giorgio Saccoccia. Le prime fasi della piattaforma lunare “saranno tutte gestite dalla Nasa ma c’è apertura ad un contributo esterno e noi come Italia, come Governo e come Asi, abbiamo già espresso chiaramente la volontà di voler contribuire” al progetto “a sostegno delle nostre industrie”. Saccoccia punta quindi il suo perimetro di osservazione verso il futuro.

“Per il Lunar Gateway serviranno moduli ma non solo, anche rover lunari, sistemi di robotica, trapani spaziali capaci di prelevare dalle viscere della Luna campioni di suolo per analizzarli”. “Ebbene, l’Italia ha già tutte queste capacità tecnico-industriali” aggiunge il presidente dell’Asi ricordando che il nostro Paese è “il terzo contributore in ambito Esa e, a sua volta, l’Agenzia Spaziale Italiana spingerà per portare contributi alla missione della Nasa”. “A novembre ci sarà la ministeriale Esa e in quell’occasione si giocheranno molti dossier” taglia corto il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background