Cybersecurity, Pastore (Bool Server): “Con sovranità dati +1% pil Italia” 

Pubblicato da in data 21 Luglio 2019

Cybersecurity, Pastore (Bool Server): Con sovranità dati +1% pil Italia

Pubblicato il: 22/07/2019 19:39

Puntare anche in Italia “alla sovranità dei dati digitali, operazione che rafforzerebbe la tutela della privacy e la cyber sicurezza delle informazioni degli italiani e che porterebbe anche ad un incremento di oltre l’1% del pil nazionale“. La valutazione arriva dal Chief Technology Officer di Boole Server, Valerio Pastore, parlando con l’AdnKronos dei nuovi scenari aperti dalla Germania con l’annuncio di prossima piattaforma Cloud nazionale arrivato dal ministro dell’Economia tedesco Peter Altmaier.

Anche l’Italia, argomenta Pastore, dovrebbe puntare ad una maggiore tutela della sicurezza e della privacy dei dati digitali prodotti nel nostro Paese: che sia da privati, imprese o pubbliche amministrazioni”.

Il manager di Bool Server osserva che “non solo la sovranità dei dati è necessaria ma la gestione delle informazioni digitali è anche un business enorme che noi oggi lasciamo e regaliamo alle multinazionali statunitensi come Google con i suoi servizi come Google Drive, o Microsoft o Dropbox mentre gestire in Italia i dati italiani per il nostro Paese si tradurrebbe in un incremento di ben oltre l’1% del pil”.

Il problema della sovranità dei dati riguarda in prima linea “la tutela della privacy dei cittadini” ed “è un problema che la Germania per prima in Europa sta mettendo sotto la lente”, ma se Berlino “parla di una piattaforma Cloud europea, in realtà progetta un Cloud made in Germania, gestito da imprese tedesche e informatici tedeschi”, quindi, esorta Valerio Pastore, “l’Italia deve accelerare o rischia di rimanere indietro”.

Il Cto di Bool Server auspica che “il nostro Governo affronti quanto prima il tema della sovranità dei dati digitali” indicando come esempio anche il recentissimo allarme sui Cloud delle multinazionali statunitensi lanciato dal Data Protection Officer (Dpo) dell’Assia, Michael Ronellenfitsch, che ha sospeso il Cloud di Microsoft dalle scuole dello stato federale tedesco che conta ben sei milioni di abitanti.

“Ogni volta che acquistiamo servizi esterni, diamo i nostri soldi a imprese estere. Il Governo dovrebbe invece spingere sui sistemi e servizi digitali italiani, delle imprese italiane, favorendo gli investimenti e la crescita di aziende nazionali che, diversamente, saranno spinte a lasciare il nostro territorio”. Insomma, “non dovremmo arricchire ancora di più le imprese d’oltreoceano” sottolinea ancora Pastore che sollecita una spinta ai sistemi sostitutivi” ad esempio, a “servizi offerti da Dropbox, sistemi che in Italia imprese come noi hanno e che potrebbero garantire maggiore privacy e maggiore sicurezza dei dati degli italiani”.

“Anche l’Italia dovrebbe realizzare un Cloud nazionale, Berlino il suo l’ha chiamato Cloud made in Germany e -osserva Pastore- ciò dovrebbe farci riflettere su quale business lasciamo agli altri e quanta privacy garantiamo agli italiani”. Basti pensare che, “se ci sono attacchi informatici in Usa, vengono rubati anche dati italiani, quindi dobbiamo proteggere di più le nostre informazioni digitali. Anche il Governo dovrebbe spingere servizi digitali made in Italy”.

Pastore, infine, ritiene che il nostro Paese, il nostro Governo debba compiere tre passi chiave per raggiungere la sovranità sui dati italiani. A cominciare dal “centralizzare tutte le informazioni degli enti locali in un unico ‘archivio digitale nazionale‘ così da garantire la protezione delle informazioni dei nostri concittadini”.

Secondo passo suggerito dal manager di Bool Server è “proteggere i dati con sistemi italiani e non attraverso sistemi gestiti da Paesi stranieri“. Valerio Pastore indica infine la necessità di “riqualificare e riclassificare le informazioni rendendole tutte omogenee“. Tutto ciò, evidenzia il Chief Technology Officer i Bool Server, “naturalmente sotto il controllo pubblico e basando la gestione sul nuovo regolamento europeo Gdpr”.


Opinioni dei lettori
  1. medicamento   On   27 Ottobre 2019 at 21:11

    Hable sobre el sexo abiertamente con tu pareja. Disfuncion Erectil Nos referimos con la expresion Disfunción Eréctil a la situación por la que un hombre tiene problemas para lograr o mantener la erección durante un tiempo lo suficientemente prolongado para el acto sexual.

  2. propecia   On   23 Ottobre 2019 at 16:25

    Men with male pattern hair loss have more DHT in the balding part of their scalp than in other parts, resulting in increased hair loss.

  3. cephalexin otc   On   17 Ottobre 2019 at 19:49

    Bronchitis is one of the most common diseases that affects all groups of the population, regardless of age. But, despite this, many do not know how to treat this condition, and whether antibiotics are needed for bronchitis.

  4. viagra genérico   On   1 Ottobre 2019 at 21:45

    Alrededor de la mitad de los hombres mayores de 60 años experimentará la condición, mientras que menos del 10 por ciento de los hombres menores de 60 años lo experimentan. dentro de los alimentos recomendados para tratar la impotencia masculina, podemos mencionar los frutos rojos, semillas, coles, frutos secos, carnes magras, pescados, lácteos, etc con especial énfasis en la L-Arginina y el Omega 3.

  5. ver más   On   16 Settembre 2019 at 18:26

    Disfuncion erectil hombre 50. Sufriendo, pero sufriendo poco, ya se entenderá porque lo digo. En este caso pueden utilizarse terapias individuales o de pareja con un psicólogo que son de una gran ayuda para superar las posibles barreras que impiden una relación sexual natural, plena y espontánea. Cialis 70 mg…

  6. comprarlevitra.com   On   12 Agosto 2019 at 11:04

    En el tratamiento el papel de la pareja es básico, el profesional necesita de la colaboración de la pareja del paciente (si es estable) y es necesario darles una serie de pautas a tener en cuenta y a practicar ante los encuentros sexuales.

  7. comprar cialis online   On   10 Agosto 2019 at 11:43

    La obesidad es mala por donde se le mire. Por lo tanto, las drogas que inhiben la acción de la PDE5 aumentan el tiempo de permanencia del óxido nítrico y, consecuentemente, facilitan la erección.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background