Figlia Moroni: “Credo a dolore Borrelli per suicidi, ma non corse ai ripari”  

Pubblicato da in data 21 Luglio 2019

Figlia Moroni: Credo a dolore Borrelli per suicidi, ma non corse ai ripari

Chiara Moroni (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 22/07/2019 22:18

di Antonietta Ferrante

“Penso che si debba sempre una forma di rispetto ai morti e ai familiari in un momento delicato e triste. E lo faccio anche se mio padre non ebbe rispetto e un magistrato disse che ‘ci si ammazza per vergogna’”. Così Chiara Moroni, figlia di Sergio, suicida dopo essere rimasto coinvolto nell’inchiesta Tangentopoli, replica a distanza a Federica, figlia di Francesco Saverio Borrelli, a capo di quel pool che segnò la fine della prima Repubblica.

Nel ricordare il padre morto sabato a Milano, la figlia dell’ex capo del pool Mani pulite sottolinea la sofferenza del genitore per quelle morti. “Non ho ragione per non credere e rispettare le parole di sua figlia – dice Chiara Moroni in un’intervista all’AdnKronos -, ma ricordo che mio padre in una lettera pubblica a Giorgio Napolitano, allora presidente della Camera, ha stigmatizzato la violenza non le ragioni dell’inchiesta”.

Ma questa opportunità di fare una riflessione sui metodi non c’è stata: “Sicuramente Borrelli è rimasto umanamente colpito, ma non ha messo in campo azioni correttive” rispetto a gesti estremi. “Io non ho mai messo in discussione la bontà dell’inchiesta, anche se ha avuto una forte connotazione politica, ma sono le modalità attraverso le quali si è attuata l’azione giudiziaria, ossia la carcerazione preventiva e i processi di piazza, che hanno determinato una specie di guerra civile e in questo substrato si sono create le condizioni di violenza che hanno portato ad alcuni atti disperati”, come quello del padre Sergio, conclude Alessia Moroni.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background