“Tav era e rimarrà inutile”  

Pubblicato da in data 24 Luglio 2019

Tav era e rimarrà inutile

(Fotogramma)

Pubblicato il: 25/07/2019 18:30

”Ho sempre detto due cose basilari sulla Torino-Lione: l’opera era, è e rimarrà inutile. Un progetto vecchio ancora prima di vedere la luce”. Lo afferma il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Danilo Toninelli in un video su Facebook, dopo il via libera del premier Conte all’opera. Gli esperti ”hanno fragorosamente bocciato” l’opera ”perché non porta benefici neppure nel lungo periodo”. ”Non ho mai avuto pregiudizi” sulla Tav, ha quindi sottolineato il ministro, ma ”da persona perbene ho deciso di lavorare e far lavorare tutto il ministero per guardare con attenzione dentro questo dossier”.

L’analisi costi-benefici, spiega ancora, ”non è stata inutile o superflua. I tecnici indipendenti che abbiamo nominato – sottolinea il ministro – hanno fatto uno studio approfondito” che dimostra come ”i costi superino di gran lunga i benefici”. ”L’opera è inutile perché troppo costosa e non porta al cambio” dalla gomma al treno ”che si prefigge”.

”Da ministro di tutti gli italiani – continua Toninelli – ho voluto tenere un approccio privo di pregiudizi nei confronti di quest’opera, nonostante sappiate bene che da membro del Movimento 5 stelle ben sapessi che si tratta un bidone per tutti gli italiani”.

E sugli alleati di governo aggiunge: “Speriamo che la Lega si dia da fare per dare al più presto al mio ministero i sottosegretari. Sono benvenuti visto che qui non c’è l’ombra di un leghista da mesi”. Poi la rassicurazione sulla tenuta del governo: “Non andare avanti sarebbe una pura follia – dice -. Prestissimo – aggiunge – avrete novità sull’elenco delle opere commissariate accelerate grazie al decreto legge sblocca cantieri, che noi abbiamo fortemente voluto. ”Ancora decine di miliardi di euro in più per tanto lavoro in più, su tutto il territorio nazionale. Quindi andiamo avanti a testa alta”.

E sulla Ue aggiunge: “La nostra caparbietà e l’immenso l’impegno della nostra struttura hanno spinto la Commissione a comprendere che l’opera non era così conveniente e quindi a innalzare i fondi. Una somma che può arrivare fino a tre miliardi di potenziali di euro risparmiati”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background