Centrodestra difende l’Arma  

Pubblicato da in data 27 Luglio 2019

Centrodestra difende l'Arma

(Fotogramma)

Pubblicato il: 28/07/2019 11:34

“A tutti quelli che ora si affannano a montare il caso del delinquente bendato in caserma vogliamo ricordare che la vittima è un carabiniere barbaramente ammazzato a 35 anni, il carnefice un balordo drogato americano. Punto”. Lo dice all’Adnkronos il presidente di Fdi, Giorgia Meloni, commentando la foto che ritrae uno dei due giovani americani indagati per la morte del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, mentre viene interrogato in caserma davanti a un pc con una benda agli occhi.

“Su questo episodio della foto dell’indagato per l’omicidio del carabiniere bendato in caserma, le parole dei vertici dell’Arma sono chiare e definitive pertanto gli accertamenti in corso accerteranno quanto è avvenuto. Non vorrei però che questo episodio trasformasse questo caso in una inchiesta sui carabinieri. Ricordiamoci che la tragedia e l’atto di efferata criminalità da punire presto e in modo ultra severo è l’omicidio del vicebrigadiere Cerciello. Attenzione a non seminare confusione perché questo sarebbe intollerabile”, afferma all’Adnkronos Maurizio Gasparri, senatore di Forza Italia.

L’omicidio “sconcerta come tutti gli episodi di questa natura ma è ancora più devastante se si pensa che sarebbe stato compiuto da due ragazzetti che hanno mostrato una feroce sorprendete e imprevedibile – aggiunge Gasparri – in una rete di rapporti con spacciatori e altri soggetti di altra nazionalità che dimostrano quanto sia fuori controllo la questione della sicurezza che alcuni affrontano con gli slogan anziché con strategie serie”.

“Io sto con i carabinieri e quelli che commettono azioni disdicevoli meritano di essere puniti ma ciò non può e non deve intaccare il senso innato dello Stato in chi indossa la divisa della benemerita. Ricordiamoci che è morto un servitore dello Stato, no al linciaggio dell’Arma”, dice all’Adnkronos il senatore Antonio Saccone (Forza Italia/Udc). “E domani mi auguro che alle ore 12, ora di inizio dei funerali, tutta Italia si fermi un minuto per ricordare il carabiniere ucciso, seguiamo l’esempio delle volanti sotto il comando generale dei carabinieri. Le forze dell’ordine azionino le sirene, i cittadini suonino il clacson. Tutta Italia saluti il nostro eroe”, aggiunge.

“Apprezzate le circostanze, le Forze dell’ordine possono adottare le misure necessarie per garantire la massima sicurezza senza fare del male alla persona. E non mi sembra che la persona fosse sofferente”, afferma all’Adnkronos Edmondo Cirielli, deputato di Fdi e questore della Camera che ha vestito anche la divisa dell’Arma.

“Se poi c’è qualcuno -avverte Cirielli- che vuole cogliere sempre l’occasione per fare polemica con le Forze dell’ordine anche in circostanze così tristi, questo serve anche a capire con che personaggi politici abbiamo a che fare”.

“Basta con i tentennamenti, gli slogan e quant’altro. Il governo ha il preciso dovere di garantire la tutela delle donne e degli uomini che con abnegazione quotidiana servono il Paese”, dice Maria Tripodi Capogruppo di Forza Italia in Commissione Difesa a Montecitorio. “Proprio con questo spirito -prosegue- il 24 luglio scorso abbiamo incontrato i rappresentanti del Cocer Interforze, i quali ci hanno evidenziato le gravi difficoltà in cui versa il comparto, aggravate dai continui rinvii dell’Esecutivo”.

“Basti pensare -spiega- agli impegni assunti dal Presidente Conte e dal Ministro Trenta nell’ultima campagna elettorale rimasti fino ad oggi lettera morta nei cassetti di palazzo Chigi. Dal mancato riordino delle carriere e dei contratti di lavoro, all’adeguamento di mezzi vetusti, fino a una migliore dotazione di equipaggiamenti, problematiche queste ultime per altro illustrate durante un nostro recente question time in Commissione difesa”.

“Forza Italia, pertanto, non solo continuerà a recepire le istanze delle Forze dell’Ordine ma anche a proporre misure concrete a tutela delle stesse, come più volte ribadito dal presidente Berlusconi, dalla nostra Consulta Difesa e Sicurezza e ancora da Mara Carfagna. Sostenere i nostri militari potenziandone organico e dotazioni con preziose risorse destinate a misure assistenzialiste come il rdc, credo sia oltre che necessario non più procrastinabile”, conclude l’esponente azzurra.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Articolo precedente

 


Thumbnail
Traccia corrente

Titolo

Artista

Background