Sgombero all’ex Moi di Torino  

Pubblicato da in data 29 Luglio 2019

Sgombero all'ex Moi di Torino

(Adnkronos)

Pubblicato il: 30/07/2019 09:33

E’ in corso l’operazione di sgombero delle palazzine arancione e grigia dell’ex Moi di via Giordano Bruno, a Torino. Le persone che risiedono nelle due strutture sono circa 350, che verranno ricollocate in altre già individuate dalle istituzioni competenti. La prima tappa, per tutti, sarà la palestra della Protezione Civile, nel quartiere Vallette. Alle operazioni di sgombero sta assistendo il vicesindaco e assessore al Welfare, Sonia Schellino.

“E’ un’operazione importante tanto importante per i residenti del quartiere quanto per gli occupanti – ha commentato Davide Ricca, presidente della Circoscrizione 8 che sta assistendo alle operazioni – il prossimo passo è la riqualifica dell’intera area. Con Comune stiamo portando avanti un progetto di social housing nelle palazzine unito al rilancio delle arcate”. Le operazioni di sgombero si stanno svolgendo senza alcuna criticità.

Esulta il vicepremier e ministro dell’Interno Matteo Salvini: ”Avanti con gli sgomberi e il ritorno alla legalità in tutta Italia, dopo anni di attese e silenzio: oggi è una splendida giornata per Torino, dalle parole ai fatti” dice Salvini. E aggiunge: “Il ringraziamento alle Forze dell’Ordine e alla questura in particolare, alla prefettura, al Comune ed ai privati che hanno collaborato è doveroso”.

Complessivamente i circa 350 sono cittadini extracomunitari. Centoquarantatré nella cosiddetta ”palazzina grigia” e 198 in quella cosiddetta ”arancione”. Le nazionalità prevalenti sono Somalia, Nigeria, Mali, Niger, Costa d’Avorio, Guinea, Gambia, Ghana, Etiopia, Senegal. In questo modo, fanno sapere fonti del Viminale, si porta ad esecuzione una fase importante del protocollo d’intesa tra la Città di Torino, la Prefettura di Torino, la Città Metropolitana, la Regione Piemonte, la Diocesi di Torino e la Compagnia di San Paolo.

Nei prossimi giorni è previsto il completamento delle operazioni di messa in sicurezza degli edifici sgomberati, onde evitare nuove, arbitrarie intrusioni. L’intervento complessivo, si apprende da fonti del Viminale, si è reso possibile grazie ad una serie di finanziamenti del Ministero dell’Interno e, da ultimo, dal contributo deliberato dalla Regione Piemonte.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background