Il facchino dell’hotel: “All’1.30 ho salutato Elder e Natale”  

Pubblicato da in data 31 Luglio 2019

Il facchino dell'hotel: All'1.30 ho salutato Elder e Natale

(Fotogramma)

Pubblicato il: 01/08/2019 16:50

di Silvia Mancinelli

Alle 12.50 prima e alle 16.15 poi – il giorno è quello immediatamente successivo alla tragica notte in cui il vicebrigadiere Mario Rega Cerciello viene ucciso – S.P., facchino 55enne dell’hotel Le Meridien Visconti Roma, viene ascoltato come persona informata sui fatti dai carabinieri di San Pietro e da quelli del Nucleo Investigativo di via In Selci titolari delle indagini. L’uomo, insieme ad altri due colleghi addetti alle pulizie e al facchinaggio, quella tragica notte tra il 25 e il 26 luglio scorsi, ha lavorato nel lussuoso albergo nel quartiere Prati dove Elder Finnegan Lee e Natale Hjorth hanno dormito. Lo ha fatto, soprattutto, tra mezzanotte e le 4 del mattino: la stessa fascia oraria in cui i due americani hanno rubato lo zaino a Sergio Brugiatelli, telefonato allo stesso uomo per concludere l’accordo estorsivo (80 euro e un grammo di cocaina in cambio delle proprie cose rubate) e, soprattutto, ucciso il militare 35enne.

All’1.30 ha “salutato” Elder Finnegan Lee e Gabriel Christian Natale Hjorth. Rientravano nella struttura dopo aver rubato lo zaino a Brugiatelli a Trastevere, ripresi anche dalle telecamere esterne e interne dell’hotel. “Tra le 00.00 e le 4 non ricordo quante volte ho lasciato la hall, ma ricordo che mi sono dovuto allontanare perché è scattato l’allarme antincendio alla stanza 431 situata al quarto piano – ha raccontato, a quanto apprende l’Adnkronos, il facchino dell’albergo – Non so esattamente da quando fossero alloggiati presso la struttura (i due americani ndr), ma presumo da meno di una settimana”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background