Borsa: FTSE Mib in rialzo, si allentano le tensioni tra Usa e Cina  

Pubblicato da in data 12 Agosto 2019

Borsa, FTSE Mib in rialzo, si allentano le tensioni tra Usa e Cina

(Foto Afp)

Pubblicato il: 13/08/2019 17:53

Seduta all’insegna dei rialzi per il FTSE Mib (+1,36%, 20.539,43 punti), che chiude in territorio positivo una sessione partita all’insegna delle vendite. A sostenere i prezzi delle quotate sul principale listino milanese sono principalmente due fattori: il primo interno all’Italia, e relativo all’allontanarsi dei timori per le elezioni anticipate. L’attuale Vicepremier, Matteo Salvini, non avrebbe ancora i numeri necessari per presentare la mozione di sfiducia nella giornata di oggi. In questo quadro, le indiscrezioni parlano di accordi tra M5S e PD per formare una nuova maggioranza. Bene il comparto bancario, con Banco BPM top performer dell’indice (+3,98%, 1,6855 euro), seguita da UBI Banca (+3,89%, 2,164 euro), e Unicredit (+3,05%, 9,547 euro). Il settore beneficia dell’abbassamento dello spread BTp-Bund rientrato verso i 222,31 punti base (-2,95%).

L’altro elemento che ha rasserenato gli animi degli operatori, i quali sono tornati ad acquistare azioni, è stata una telefonata tra il Vicepremier cinese, Liu He, Robert Lighthizer, delegato della Casa Bianca al commercio e il segretario al Tesoro Usa Steve Mnuchin. Stando all’agenzia di stampa del Dragone, Xinhua, le parti avrebbero deciso di riparlarsi (sempre per via telefonica) nei prossimi giorni. Oltre a questo, l’Amministrazione a stelle e strisce ha deciso di far slittare al 15 dicembre 2019 l’applicazione dei dazi del 10% su alcuni prodotti hi-tech, inizialmente previsti per il prossimo 1 settembre. Questo ha beneficiato in particolar modo STM (+3,18%, 16,205 euro) che vola sulla scia del rally di Apple.

Segno positivo Saipem (+2,75%, 4,11 euro), Eni (+1,90%, 13,42 euro) e Tenaris (+1,65%, 9,954 euro), che beneficiano dell’ascesa del petrolio WTI (+3,84%, 57,04 dollari al barile).

Pochi segni i segni meno all’interno del FTSE Mib, a tal proposito si segnalano in particolare Campari (-1,67%, 7,925 euro), Telecom Italia (-1,16%, 0,4509 euro) e Recordati (-0,87%, 38,52 euro).

Sul fronte valutario, perde terreno l’euro-dollaro, che si attesta a 1,1190 (-0,19%) sulla base degli ottimi dati sull’inflazione statunitense. Con il dato “core” annualizzato al 2,2% (massimi del 2019), si allontanano le speranze di Trump per una serie di tagli del costo del denaro da parte della Fed. (in collaborazione con money.it)


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background