La politica piange Ida Colucci: “Perdiamo una voce autorevole”  

Pubblicato da in data 18 Agosto 2019

La politica piange Ida Colucci: Perdiamo una voce autorevole

Ida Colucci (Fotogramma)

Pubblicato il: 19/08/2019 17:03

“Ho appreso con grande tristezza la notizia della scomparsa di Ida Colucci. Il giornalismo italiano perde una delle sue voci più autorevoli e appassionate”, Così in una nota Maria Elena Boschi dopo la scomparsa di Ida Colucci. “E’ stata una grande professionista e porterò con me il ricordo delle nostre conversazioni sulla politica, sui diritti, sui giovani, sul ruolo della donna nella nostra società. Il suo lavoro rimarrà un prezioso esempio per tutti i giovani che vorranno intraprendere il mestiere del giornalista, ma soprattutto per le ragazze che sapranno di poter guadagnare con fatica e impegno anche ruoli di vertice. Esprimo le mie più sentite condoglianze alla sua famiglia e alla Rai”, afferma l’esponente del Pd.

“Giornalista storica della Rai, professionista discreta, attenta alle dinamiche sociali. Aperta al confronto con i colleghi e con il non facile mondo come addetta ai lavori nel lavoro di cronista parlamentare. Era orgogliosa e loquace nel presentare i suoi traguardi raggiunti alla direzione del Tg2, quel telegiornale a cui ha dedicato gran parte della sua vita. Da oggi, mancherà una figura importante nel racconto quotidiano del nostro Paese”, dice Daniela Santanché, parlamentare di Forza Italia.

“La scomparsa di Ida Colucci ci riempie di tristezza: dopo una lunga malattia ci ha lasciato una grande professionista, una donna coerente e rigorosa, una amica leale e sempre disponibile. La Rai perde una delle sue persone migliori. La politica un interlocutore attento e sempre rispettoso delle opinioni di tutti”, scrive Pier Ferdinando Casini.

“Con Ida Colucci il giornalismo italiano perde una delle sue voci più autorevoli, una grande professionista che si è sempre distinta per passione e serietà. Da cronista politica di razza ha raccontato momento per momento, con scrupolo certosino, la storia della seconda repubblica, e con la sua correttezza ha interpretato nel modo migliore il ruolo di servizio pubblico della Rai”, dichiara Anna Maria Bernini, presidente dei senatori di Forza Italia.

“La sua bravura l’ha portata alla guida del Tg2, che sotto la sua direzione ha conseguito risultati eccellenti, con una grande apertura ai temi sociali e alla discriminazione delle donne. Il giornalismo perde una grande protagonista, io perdo un’amica carissima. Al marito e a tutta la famiglia giungano le mie condoglianze e il mio commosso ricordo”, conclude Bernini.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background