“Rifarei tutto quello che ho fatto”, Salvini tira dritto  

Pubblicato da in data 19 Agosto 2019

Rifarei tutto quello che ho fatto: la replica di Salvini

Matteo Salvini in Senato (AFP)

Pubblicato il: 20/08/2019 16:11

“Mi dispiace che lei mi ha dovuto mal sopportare per un anno, l’ho scoperto oggi”. Così Matteo Salvini parlando al Senato e replicando al discorso del presidente del Consiglio, Giuseppe Conte. “La critica più surreale è che non si fanno le crisi d’agosto. I parlamentari lavorano d’agosto come tutti gli altri italiani” ha detto il vicepremier a Palazzo Madama, ‘traslocato’ dai banchi del governo a quelli della Lega.

“La libertà consiste nel non avere nessun padrone e io non voglio l’Italia schiava di nessuno” ha aggiunto, citando Cicerone. “Sono un uomo libero, chi ha paura del giudizio del popolo italiano non è un uomo o una donna libero. In quest’aula ci sono donne e uomini liberi e uomini e donne meno liberi. Chi ha paura del giudizio degli italiani non è libero. E’ il sale della democrazia. Ho la grande forza di essere un uomo libero”.

IL VOTO – “Per non votare a ottobre ci sono parlamentari che appoggerebbero pure il governo della Fata Turchina” ha detto ancora il ministro dell’Interno a palazzo Madama, sfidando il M5S a fare un governo con il Pd di Matteo Renzi e Maria Elena Boschi. ”Vediamo se ci sarà la voglia e la forza di andare al voto. Io sono un uomo libero, non ho paura del giudizio degli italiani”.

IL CUORE DI MARIA – E ancora: “Lei fa un torto agli italiani e ai cattolici italiani quando pensa che votino in base al rosario. Non me ne vergogno ma ne sono l’ultimo e umile testimone” ha detto Salvini. “Non abbiamo la paura di mollare le nostre poltrone”. ‘Facci vedere le stimmate!’ gridano dai banchi di Leu e Pd quando il vicepremier cita nel suo discorso il cuore immacolato di Maria. “Omina vincit amor” ha detto Salvini in Senato, citando Virgilio, dopo aver promesso di “non coltivare rabbia e rancore”.

TAGLIO PARLAMENTARI – “O c’è già accordo di potere e di spartizione fra M5S e Pd: lecito, ditelo e spiegatelo agli italiani. E’ irrispettoso della volontà del popolo italiano. Se non è così – ha detto ancora il ministro dell’Interno – e c’è voglia di costruire e terminare un percorso virtuoso, taglio parlamentari: la via maestra è quella delle elezioni. Se volete, ci stiamo, non abbiamo paura di andare avanti. Tagliamo i parlamentari e restituiamo la parola agli italiani”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background