Kristen Stewart: “Jean Seberg è esempio da non dimenticare”  

Pubblicato da in data 29 Agosto 2019

Kristen Stewart: Jean Seberg è esempio da non dimenticare

Pubblicato il: 30/08/2019 16:14

(Adnkronos/Cinematografo.it) – “Facendo l’attrice quello che cerchi è una sorta di legame con la gente e la sfida sta nel mantenere la propria onestà. Jean Seberg aveva una fame diversa, però, quella di connettersi più di altri, più a fondo, con le persone. Era anche spinta da una forte vocazione umanitaria, in un momento in cui le persone non volevano vedere, capire. Quella che racconta il film è una storia molto importante, e lo è soprattutto oggi. Perché sacrificarsi per un’idea, per gli altri, è raro. Ed è giusto che Jean Seberg non venga ricordata solamente per il suo taglio di capelli”. Kristen Stewart riporta in vita la celebre attrice americana, icona della Nouvelle Vague francese grazie a ‘Fino all’ultimo respiro (À bout de souffle)’ di Godard: è la protagonista di ‘Seberg’, diretto dall’australiano Benedict Andrews e presentato in anteprima mondiale questa sera alla 76° Mostra di Venezia, Fuori Concorso, a 40 anni esatti dalla morte della diva, avvenuta il 30 agosto 1979.

“Per noi che abbiamo vissuto molti anni insieme a lei, idealmente, facendo questo film, è molto bello poterla celebrare proprio oggi”, dice il regista Benedict Andrews, che sulla genesi del progetto racconta: “Ho scoperto Jean Seberg al liceo quando il mio professore di francese proiettò À bout de souffle per la classe. Fui letteralmente stregato e da allora non ho più potuto dimenticare la sua incredibile recitazione, è stata un’attrice capace di ridefinire i parametri della presenza e della verità scenica”.

Ma il film racconta un aspetto meno noto dell’esistenza della Seberg. Aspetto che finì per distruggerla, portandola anni più tardi al suicidio: sul finire degli anni ’60 l’attrice finì nel mirino del programma di sorveglianza illegale dell’FbI, Cointelpro. Il coinvolgimento politico e sentimentale dell’attrice con l’attivista per i diritti civili Hakim Jamal (Anthony Mackie) la rese un obiettivo dei tentativi spietati del Bureau di arrestare, screditare e denunciare il movimento del Black Power. Un giovane e ambizioso agente federale, Jack Solomon (Jack O’Connell), viene incaricato di sorvegliare l’attrice; i destini dei due si troveranno a essere pericolosamente intrecciati.

“Non conoscevo la sua storia prima di leggere la sceneggiatura (firmata da Joe Shrapnel e Anna Waterhouse, ndr), soltanto allora ho compreso come sia stata distrutta la vita di Jean Seberg, letteralmente soffocata da tutto questo”, dice ancora il regista, che aggiunge: “La sua onestà, la sua verità sullo schermo rifletteva la stessa sincerità che aveva nella vita reale. A causa di questo è diventata un bersaglio dell’FBI, che l’ha iniziata a spiare nell’intimità, per utilizzare la sua vita privata, minandola e distruggendola per motivi politici. L’ho trovata una storia molto particolare, speciale”.

Che cosa ha significato per Kristen Stewart – che in Francia ha recitato nel recente passato per Olivier Assayas in Sils Maria e Personal Shopper – reincarnare una simile icona della Nouvelle Vague, seppur americana come lei? “C’era qualcosa di naturalistico nella sua recitazione, emergeva qualcosa di splendente. Il fatto che fosse bene accolta nel suo paese e anche in Francia le ha consentito di correre dei rischi, sicuramente è stata identificata in questo modo. Ho lavorato su questa cosa, ho cercato di essere me stessa, ho percepito questo desiderio da parte sua, di essere accettata lavorando in questo modo, quasi gridando ‘guardatemi, sono vera!’. E proprio per questo ha trovato terreno fertile in Francia, immagino”.

Mentre sul fronte dell’attivismo sociale e politico, partendo da una frase presente nel film (“La rivoluzione ha bisogno delle stelle del cinema”), l’attrice dichiara: “La mia tendenza politica è chiara, non nascondo quello che penso, ma non sono impegnata, non sono un’attivista insomma. E non vado a gridare in faccia alla gente quelle che sono le mie opinioni”.

Dal biopic sulla Seberg a progetti più commerciali come Charlie’s Angels (in Italia dal 21 novembre con Warner), come conciliare tutto questo? “Sono pronta a qualsiasi cosa!”, dice ridendo Kristen Stewart, che conclude: “Nell’ultimo periodo della mia carriera ho fatto scelte che sono basate soprattutto sull’istinto e vivo questa cosa in maniera molto naturale, senza pensarci troppo”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background