Conte al tavolo con Pd e 5S: “Avanti”  

Pubblicato da in data 30 Agosto 2019

Conte al tavolo con Pd e 5S: Avanti

(IPA /Fotogramma)

Pubblicato il: 31/08/2019 16:23

Andiamo avanti, teniamoci aggiornati”. Giuseppe Conte ha fatto il punto con le delegazioni Pd-M5S a palazzo Chigi sul programma. Un incontro, rivelano fonti parlamentari, tenuto in un clima “positivo”. “Da incontro della delegazione M5S con Conte – aggiungono – passi avanti nella direzione giusta”.

Il premier incaricato ha approfondito il lavoro ‘accostando’ i due documenti con cui i capigruppo dem e pentastellati si erano presentati alle consultazioni alla Camera con lo stesso presidente incaricato. “I punti in comune ci sono, vanno approfonditi, il lavoro procede” spiegano le stesse fonti. Conte avrebbe lasciato trapelare un certo ottimismo sulla possibilità di intervenire positivamente sulle questioni nate dopo la dura presa di posizione di Luigi Di Maio.

Il premier si sarebbe preso una giornata (domenica) per continuare il lavoro di elaborazione in modo da arrivare al più presto, forse già lunedì, ad un nuovo confronto con i capigruppo che potrebbe anche essere risolutivo. A questo proposito, fonti parlamentari Pd e M5S non escludono un incontro tra Nicola Zingaretti e Luigi Di Maio.

PD – ”Ora Conte ha una grande responsabilità: deve procedere senza strappi e portare al Colle, nel più breve tempo possibile, una squadra di governo che sia realmente di qualità anche nei nomi scelti”. Il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci racconta con queste parole su Facebook il vertice a Palazzo Chigi.

”Quando si parla, quando gli ultimatum vengono messi a tacere – sottolinea – è naturale fare tanti passi avanti. Ed è quello che è successo durante l’incontro con il presidente incaricato Conte e i miei colleghi capigruppo del M5S. Un incontro sul programma, voglio sottolinearlo, perché è la cosa che più interessa al Pd – conclude Marcucci -. Ci sono le condizioni per non provocare l’aumento dell’Iva e per diminuire le tasse. Andiamo avanti con fiducia e coraggio”.

M5S – “Abbiamo fatto una ricognizione sui temi” e il programma. ”Vedremo nelle prossime ore, ma la ricognizione è andata bene” assicura il capogruppo al Senato di M5S, Stefano Patuanelli, dopo il vertice.

“Abbiamo parlato di programmi e del documento che abbiamo già condiviso per vedere se si può andare incontro alle istanze di tutte le forze politiche interessate. Si sta lavorando per andare avanti” aggiunge Francesco D’Uva, capogruppo pentastellato alla Camera, lasciando palazzo Chigi. Sul decreto sicurezza “le parole sono sempre le stesse, le stesse che stanno usando tutti. Bisogna lavorare sul dl sicurezza, sui rilievi del Quirinale che vanno rispettati”.

LEU – Il Presidente del Consiglio incaricato, secondo quanto si è appreso, ha ricevuto inoltre da Leu un documento contenente i loro contributi programmatici: tale documento è stato distribuito alle delegazioni presenti nell’incontro a Chigi. Ci sono già stati contatti telefonici e prossimamente ci saranno anche incontri.

PASSI AVANTI – Di “passi avanti nella direzione giusta” si apprende in serata da fonti del MoVimento, che “ha ottenuto: basta nuovi inceneritori, stop a nuove concessioni sulle trivelle, revisione delle concessioni autostradali, taglio parlamentari nel primo calendario utile alla Camera, lotta all’immigrazione clandestina alla criminalità e all’evasione fiscale” si apprende sempre da fonti pentastellate.

Inoltre, da fonti Pd si fa sapere che nell’incontro sono state accolte gran parte delle proposte del Partito democratico: via libera alle proposte dem a partire dal taglio del cuneo fiscale a favore dei lavoratori, da una nuova legge sull’immigrazione, dal blocco dell’aumento dell’Iva e dallo sblocco immediato delle infrastrutture.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background