Lega, identificati i due russi presenti all’incontro al Metropol  

Pubblicato da in data 2 Settembre 2019

Lega, identificati i due russi presenti all’incontro al Metropol

(Fotogramma)

Pubblicato il: 03/09/2019 12:36

Sono stati identificati due dei tre russi presenti all’incontro dell’hotel Metropol a Mosca del 18 ottobre scorso, al centro dell’inchiesta milanese sui presunti fondi russi alla Lega. Si tratta di Andrey Yuryevich Kharchenko e Ilya Andreevich Yakunin come rivela il sito BuzzFeed e confermano fonti vicine all’inchiesta che vede indagate tre persone per corruzione internazionale, tra cui il leghista Gianluca Savoini, ex portavoce del vicepremier Matteo Salvini. I due russi, scrive BuzzFeed, hanno legami “con il demagogo di estrema destra” Aleksandr Dugin e con Vladimir Pligin, politico vicino al leader russo Putin.

Intanto la difesa di Gianluca Meranda e Francesco Vannucci, indagati per corruzione internazionale insieme a Savoini, ha annunciato a sopresa di voler rinunciare al Riesame in programma giovedì 5 settembre a Milano. Una strategia opposta rispetto a quella del leghista, che invece non rinuncia all’udienza che riguarda il sequestro di telefoni e computer effettuati a luglio dalla Guardia di finanza.

I difensori stanno studiando i documenti depositati dalla procura, tra cui l’audio e la trascrizione del file registrato durante l’incontro all’hotel Metropol, le modalità con cui è stato acquisito il file audio e la consulenza della procura che certificherebbe che si tratta di una registrazione originale. La difesa punta proprio a ‘smontare’ quella che sembrerebbe la prova regina nelle mani dell’accusa.

A quanto apprende l’Adnkronos una delle carte che le difese potrebbero utilizzare è quella di gettare discredito sulla persona seduta al tavolo del Metropol a Mosca che ha registrato e fornito l’audio, fonte che il giornalista dell’Espresso Stefano Vergine ha sempre tenuto riservata avvalendosi del segreto professionale. La fonte ‘sconosciuta’ potrebbe, a dire dei difensori, rendere non utilizzabile l’audio nel caso in cui si dovesse arrivare a un processo.

Il Riesame è il primo vero confronto tra accuse e difensori, mentre l’inchiesta va avanti e i documenti in mano alla procura sembrano aumentare. I pm titolari dell’inchiesta, Sergio Spataro e Gaetano Ruta, coordinati dall’aggiunto Fabio De Pasquale, stanno ancora analizzando le carte sequestrate durante le recenti perquisizioni agli indagati.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background