Legge elettorale, Salvini frena su referendum e apre al Cav  

Pubblicato da in data 20 Settembre 2019

Legge elettorale, Salvini frena su referendum e apre al Cav

(Fotogramma)

Pubblicato il: 21/09/2019 07:02

L’importante è che i cittadini siano coinvolti e che ci sia una legge elettorale che consenta a chi prende un voto in più di vincere e governare. Per evitare gli inciuci, le schifezze, il mercato delle poltrone…”. Ospite di Atreju Matteo Salvini sembra quasi frenare sul referendum abrogativo pro maggioritario e apre a Silvio Berlusconi, tendendogli la mano sulla riforma elettorale, lasciando intendere di essere pronto a trattare sul nodo del proporzionale.

Il Cav, infatti, da giorni va dicendo di non essere favorevole a un sistema tutto maggioritario, “perché il partito principale di ciascuna coalizione avrebbe in mano le sorti di tutta la coalizione” e, dalle colonne del ‘Corsera’, ha posto i suoi paletti alla Lega: “Credo che una quota di proporzionale sia assolutamente indispensabile”. Salvini, che conferma l’alleanza con Fi e Fdi alle regionali, rivendicando così unità della coalizione, sembra venire incontro all’ex premier ma bisognerà approfondire ogni aspetto della questione, magari con un vertice a tre tra alleati.

E martedì prossimo, raccontano, anche se in agenda non c’è ufficialmente ancora nulla, potrebbe essere il giorno giusto per un chiarimento tra i leader del centrodestra, forse a Palazzo Grazioli, come ai vecchi tempi. Giorgia Meloni non esclude il summit: “Ci dobbiamo vedere assolutamente, non abbiamo ancora fissato il giorno. Martedì a me è un giorno che va bene, la settimana prossima, diciamo…”.

Giancarlo Giorgetti, anche lui invitato alla festa di Fdi, spiega la strategia del Carroccio sulle riforme: “Non giriamoci attorno: il proporzionale con premio di maggioranza c’era, era il mitico Porcellum, dichiarato incostituzionale ma che al Pd ha consentito di governare per cinque anni… La nostra proposta di referendum elettorale per il maggioritario è una risposta alla provocazione di un programma di governo contenente il sistema proporzionale, che non servirebbe ad altro che a mettere il timbro di legittimità sul trasformismo dei gruppi parlamentari…”. Parole, queste del numero due della Lega, ai più apparse come una sorta di apertura di credito a Fi per aprire una riflessione senza impuntature sul maggioritario secco.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background