Pamela Prati: ‘Ho mentito per amore’  

Pubblicato da in data 22 Settembre 2019

Pamela Prati: Ho mentito per amore

(Foto Ipa/Fotogramma)

Pubblicato il: 23/09/2019 12:08

(di Alisa Toaff)

“Ti ho fatto credere che la tua favola fosse vera. Quella favola che sognavi da quando eri bimba cresciuta in un piccolo paese della Sardegna tra mille difficoltà. E sai come ci sono riuscito? Perché conoscevo tutti i tuoi punti deboli. Sapevo dove colpire, che avresti ubbidito come un soldato telecomandato dal cuore, perché il tuo cuore è buono, io no! Ti ho fatto del male? Sicuramente, anche se i cinici dicono che ti ho restituito una popolarità che si stava spegnendo. Un po’ è vero ma oltre alla fama c’è la fame d’amore, che può far male e io ti ho fatto malissimo’’. E’ Iniziata così la puntata di ‘Non è l’Arena’ di ieri sera dedicata al caso Mark Caltagirone, con una lettera di Gabriele Parpiglia scritta nel suo libro sul Prati Gate, immaginando ciò che avrebbe scritto il falso Mark Caltagirone.

‘’Ho deciso di parlare perché voglio che la gente sappia la verità è cioè che io ho creduto ciecamente in questa favola e che sono assolutamente innocente -ha sottolineato Pamela Prati che a ‘Non è l’Arena ha deciso di rompere un silenzio che ormai durava da diversi mesi e raccontare la sua versione dei fatti sul Prati Gate- Hanno parlato tanto di me ma non ho parlato io quindi vorrei che mi ascoltassero e capissero cosa realmente è successo. Io ho scoperto all’ultimo momento che (Mark Caltagirone, ndr) non esisteva e ho difeso una famiglia che pensavo di avere’’.

Complice o vittima, le chiede Massimo Giletti e la showgirl senza indugi ha sottolineato di essere stata una vittima e di non essere la sola: ‘’Ho fatto degli errori ma sono una vittima. E non sono la sola perché prima di me è successo ad altre persone del mondo dello spettacolo come Manuela Arcuri e a Alfonso Signorini, queste persone fanno queste cose da 10 anni. Io sono una vittima’’, ha ribadito.

Su come abbia conosciuto le sue ex agenti Pamela Perricciolo e Eliana Michelazzo la Prati racconta: ‘’Inizio’ tutto in un ristorante di Roma dove andai perché ero stata invitata e sapevo che ci andavano tanti altri personaggi del mondo dello spettacolo e dopo vari inviti ho ceduto. A quel punto, hanno iniziato a parlarmi, specialmente quella con i capelli grigi (Pamela Perricciolo, ndr), di questo Mark Caltagirone che si era appena separato dalla sua compagna, una donna in politica, e che insieme avevano preso in affido un bambino’’.

‘’Poi mi dissero che lui soffriva tanto -continua- che era fuori in Siria perché costruiva gli oleodotti, mi fecero vedere delle fotografie ed era molto bello, mi dissero che era molto dolce e che io gli piacevo e che era venuto moltissime volte a vedermi al Bagaglino e mi proposero di incontralo visto che io mi ero appena lasciata dal mio compagno’’.

‘’Mi dissero che aveva 53 anni, ero in un momento di fragilità -dice ancora la showgirl- c’ho creduto e dopo un po’ di tempo, era primavera, mi venne da scrivere ‘buona primavera’ e lui mi rispose ‘adesso si’ che è una buona primavera’, e da lì iniziammo a messaggiarci. Lui mi raccontava che aveva avuto questa delusione da questa ex compagna e che non credeva più nell’amore’’.

Poi il conduttore racconta che a quel punto il misterioso Mark Caltagirone le invia delle foto e le mostra al pubblico di La7, “Peccato -ha proseguito Giletti- che grazie a chi ha indagato davvero su questa vicenda, Dagospia Fanpage ecc. che ringraziamo perché hanno fatto vero giornalismo, scoprono che quell’uomo, in comune con Caltagirone, ha solo il nome: si chiama Marco Di Carlo e si è arrabbiato come una bestia quando lo ha saputo e pare abbia fatto delle querele ma poi vedremo se andranno avanti, perché queste foto sono state rubate dal suo profilo social”.

Alla domanda se queste foto l’avessero fatta insospettire perché tutte in primo piano la Prati ha risposto: ‘’No, sono sincera!’’. Ma Giletti incalza la showgirl facendo sentire in studio alcuni messaggi vocali che le sono stati inviati da Mark Caltagirone dicendo di continuare a non capire come ha fatto a credere all’esistenza di quest’uomo, nonostante non fosse mai riuscita a mettersi in contatto con lui realmente.

‘Diceva sempre che il bambino stava male e quindi era vicino a lui oppure era sempre in posti dove era difficile poter stare al telefono e quindi mi mandava gli audio e gli sms -ha risposto la Prati- gli ho chiesto di parlare al telefono con lui ma le risposte erano sempre negative, diceva che poi quando ci saremmo visti avremmo parlato tanto e che non era il momento, faceva delle finte telefonate e improvvisamente cadeva la linea’’.

Ricordandole la sua infanzia difficile, vissuta in un orfanotrofio, Giletti le chiede se forse, a spingerla a raccontare tutta quella storia, fosse stato il desiderio di costruirsi un mondo migliore per non soffrire nel mondo in cui vive ma la Prati ha ribadito: ‘Non l’ho costruito io ma lo hanno costruito per me colpendo tutti i miei punti deboli, con crudeltà! E pensare che questo sia stato fatto da delle donne fa ancora più male’’.

‘A me bastava questo mondo virtuale -ha detto ancora la showgirl sarda- una volta ho mentito a mia sorella dicendole che lo avevo visto, ho mentito per amore perché difendevo questa famiglia che ero convinta di avere’’.

Nel corso della trasmissione Giletti, non nascondendo le sue perplessità sulla vicenda, ha fatto sentire in studio un altro audio vocale in cui si sentiva Mark Caltagirone che sembrava proporre alla Prati di sposarla: ‘’A me bastava questo -ha detto- ero felice perché mi faceva intuire che ci sarebbe stato un futuro insieme’’. E di questi messaggi ne arrivavano tantissimi, anche alcuni hot che Giletti mostra al pubblico di ‘Non è L’Arena’ e che dimostrano che l’ex soubrette del Bagaglino faceva sesso virtuale con quello che lei credeva, racconta la Prati, Mark Caltagirone: ‘Non credo di essere la prima donna a fare sesso virtuale con il proprio uomo. E oggi questo mi fa rabbia perché non so chi c’era dall’altra parte del telefono’’.

A questo punto in studio entrano Lina Caputo, avvocato di Pamela Prati e Nunzia de Girolamo. In collegamento anche la psicoterapeuta Stefania Andreoli che ha sottolineato che da un punto di vista psicologico la versione della Prati è credibile.

Durante il programma ad un certo punto c’è stato un piccolo scontro tra la Prati e la De Girolamo che non ha nascosto i suoi dubbi sulla versione della showgirl che, un po’ irritata, ha tenuto a dire: ‘’Mi hanno manipolata. Ma ti pare che per due passaggi in tv butti via 40 anni di carriera? come avrei potuto mandare dei video di me nuda a qualcuno che non conosco? Sono una cretina, che ti devo dire!’’.

Massimo Giletti parla poi dei bambini in affido, definendola ‘la parte peggiore’ di tutta la storia, Sebastian e Rebecca, e mostra un messaggio di Sebastian, (il bambino che nel Prati Gate era malato di tumore, ndr) e che alla showgirl scrive: ‘per te siamo due bastardi estranei, adesso cosa vuoi vattene con uno dei tanti dei giornali’’, facendo notare che la parola ‘bastardi’ per la Prati ha un peso importante e a quel punto la showgirl visibilmente commossa, dopo qualche minuto di silenzio, ha raccontato che quella parola era quella che usavano con lei da bambina: ‘hanno usato questo per farmi del male, mi chiamavano mamma, erano stati in un orfanotrofio come me, sfido chiunque a non mentire’, ha detto.

Giletti mostra anche un’intervista inedita all’uomo che ha prestato il suo ‘’corpo a Mark Caltagirone per un giorno’’, spiega il conduttore che ripercorrendo la vicenda ricorda che ad un certo punto uscì una foto di un ‘signore con un cappellino però non si è mai capito chi fosse quest’uomo’ e manda in onda un frammento dell’intervista: ‘La Prati stava malissimo -racconta l’uomo con il volto oscurato- era tristissima e non riusciva a reagire in modo lucido mentre la Perricciolo era tutt’altro, riusciva ad essere chiara. Però mai avrei potuto immaginare che era tutto falso”.

Giletti ricorda alla Prati che lei si presto’ a quel gioco e la showgirl ha continuato: ‘’non volevo fare quelle foto, mi era stato chiesto da Marco e poi da lei (Pamela Perricciolo, ndr). ‘Ci sono altre vittime -ha concluso la Prati- tra cui una deputata: Wanda Ferro’’, intervistata dalla trasmissione e che non ha voluto rilasciare dichiarazioni e che si sarebbe trovata nella stessa situazione della soubrette del Bagaglino.

Giletti, inoltre, ha lanciato qualche frecciatina ai programmi che si sono occupati della vicenda. ‘‘Chi ha gestito questa storia aveva il dovere morale di indagare su una vicenda del genere perché c’erano troppe cose che non tornavano! Ieri ho visto una intervista alla Perricciolo su coming soon, la quale, avendo visto probabilmente durante la conferenza stampa che ho fatto che ero in possesso di alcuni documenti ha anticipato un po’ tutti. Ha raccontato che la polizia aveva fatto una perquisizione nella sua casa dove viveva insieme alla Michelazzo’’.

‘’Io c’ero già arrivato e abbiamo scoperto che questa perquisizione era stata fatta non ieri ma nel 2015! -sottolinea- Un giornalista ha il dovere di indagare ed andare a capire chi sono queste persone e se fossero andati ad indagare come abbiamo fatto noi avrebbero trovato quello che ho io in mano’’, e mostrando un foglio che ha in mano ha proseguito: ‘’E’ tanta roba. Al di là di quello che accadrà da un punto di vista giudiziario queste cose vanno fatte da un punto di vista deontologico e morale. Se non mettiamo un filtro a questo tipo di televisione lanciando una frecciatina ai programmi che si sono occupati del caso Mark Caltagirone, sui social arriva di tutto’’.

‘’I social -ha continuato Giletti- non li posiamo controllare ma la televisione ha dei mediatori, se siamo testate giornalistiche abbiamo il dovere di verificare l’attendibilità delle cose, di quello che uno dice. Bastava indagare per capire che in quella perquisizione sono state trovate delle cose molto particolari che ci fanno capire come queste due persone avessero adottato il sistema Mark Caltagirone già con qualcun’altro. Bisogna essere cauti, non si è testata giornalistica per caso’’, ha concluso.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background