Brexit, cosa succede ora?  

Pubblicato da in data 23 Settembre 2019

Brexit, cosa succede ora?

(Afp)

Pubblicato il: 24/09/2019 14:53

Dopo la sentenza della Corte Suprema britannica sfavorevole alla decisione del premier Boris Johnson di sospendere il Parlamento, il ‘Guardian’ risponde alle domande su cosa accadrà a partire da questo momento.

La prima curiosità riguarda la possibilità per il premier di sospendere ulteriormente il Parlamento, anche nell’immediato. La sentenza non ha in sé modificato i poteri del primo ministro a questo riguardo, spiega il Guardian, ma sicuramente li ha limitati. Boris Johnson non potrebbe tentare di chiudere nuovamente per un lungo periodo le camere senza trovarsi nella posizione di chi di fatto commette oltraggio alla corte. Potrebbe anche darsi che, in presenza di una richiesta così evidentemente illegale, la Regina dica no o almeno minacci di farlo (anche se – si sottolinea – questo implicherebbe un coinvolgimento della Corona nella politica che non si è visto da un secolo o più). Ma la sentenza non chiude la strada ad una breve sospensione, normale, di pochi giorni, a ridosso del discorso della Regina.

Il secondo quesito riguarda il suggerimento dato da Johnson alla Regina. Le ha mentito? La Corte Suprema non ha accettato la tesi del governo secondo cui la sospensione non aveva nulla a che vedere con una limitazione della libertà di movimento dei parlamentari sulla Brexit e sulla sua attuazione. Ma non ha accusato il premier di aver mentito alla Regina. Johnson ha negato con forza di aver mentito, anche se non si sa esattamente cosa abbia detto in privato alla Regina sui suoi piani.

Infine una domanda sull’impeachment. E’ possibile? No, quasi certamente, risponde il Guardian. L’impeachment è ora considerato obsoleto. Meno chiaro è cosa accadrebbe se Boris Johnson decidesse di sfidare lo spirito o la lettera della legge. Voci provenienti da Downing Street hanno già lasciato intendere che non esclude di aggirare il Benn Act voluto per costringerlo a chiedere un rinvio del divorzio da Bruxelles in assenza di un accordo entro il 19 ottobre. E allo stesso modo ora potrebbero esserci persone che a Downing Street cercano di capire come aggirare questo giudizio.

Non è chiaro cosa potrebbe accadere, anche se secondo il parere di un ex procuratore capo, in caso di oltraggio alla Corte Johnson potrebbe rischiare il carcere. Più probabile è però il caso per cui se Johnson dovesse tentare di violare la legge, parte del governo e della pubblica amministrazione incrocerebbe le braccia, si dimetterebbe o comunque non lo seguirebbe su una strada di illegalità.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE

“Diritto a oblio non globale”, Corte Ue dà ragione a Google

Boldrini passa al Pd, i social si scatenano

Italia Viva, Boschi capogruppo alla Camera


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background