L’indignazione di Greta  

Pubblicato da in data 23 Settembre 2019

L'indignazione di Greta

(Foto Afp)

Pubblicato il: 24/09/2019 07:22

“Siamo all’inizio di una estinzione di massa e tutto quello di cui siete capaci di parlare è il denaro e favole di un’eterna crescita economica”. Così arrabbiata che le stavano per scendere le lacrime, Greta Thunberg ancora una volta ha sferzato i leader mondiali riuniti al summit dell’Onu sul clima. In un appassionato intervento, la giovane attivista svedese che ha mobilitato milioni di attivisti in tutto il mondo ha accusato i grandi leader di “non essere abbastanza maturi per dire come stanno le cose”. “Se sceglierete di deluderci, non vi perdoneremo mai”, ha aggiunto la 16enne fra gli applausi, parlando a nome delle giovani generazioni.

“Ci state deludendo, ma i giovani stanno iniziando a comprendere il vostro tradimento”, ha detto ancora la 16enne.

Ad ascoltare la giovane attivista c’erano leader di tutto il mondo che si sono impegnati ad abbandonare i combustibili fossili e a rallentare l’aumento delle temperature globali durante l’evento dell’Onu.

La presenza del presidente Usa non era prevista, ma Trump è invece arrivato a sorpresa, e in ritardo, al vertice perdendosi non solo l’intervento di apertura del segretario generale, Antonio Guterres, ma anche quello di Greta Thunberg. Per Angela Merkel “non c’è dubbio” che i cambiamenti climatici sono causati dall’uomo e che la comunità internazionale deve ascoltare scienziati e giovani di tutto il mondo. La Cancelliera ha poi presentato alcune delle misure climatiche tedesche, che il governo ha concordato la scorsa settimana, tra cui l’eliminazione graduale del carbone entro il 2028. La Merkel ha anche annunciato che Berlino “investirà 1,5 miliardi di dollari nel Green Climate Fund”.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha esortato gli altri Paesi a tener conto della lotta ai cambiamenti climatici nell’ambito delle proprie politiche commerciali. “Penso ci vogliano politiche commerciali che servono l’agenda climatica”, ha detto Macron intervenendo al summit dell’Onu per il clima, dove ha invitato le altre nazioni a non stringere nuovi accordi commerciali con chi non rispetta gli accordi di Parigi sul clima. Senza nominare direttamente il Brasile, Macron ha esortato a non importare beni da paesi che permettono la deforestazione.

Un altro appello per salvare il pianeta è arrivato da papa Francesco per il quale “serve una rivoluzione dal basso, che parta dalle scelte quotidiane, dal momento in cui si va a fare la spesa al momento in cui si investono i propri risparmi, per esempio orientandoli verso banche etiche, rispettose degli equilibri solidali”. Tanti piccoli atti necessari per impedire la distruzione di quella che lui chiama la ‘Casa Comune’. Attraverso un video messaggio il Pontefice ha parlato di “una delle principali sfide che dobbiamo affrontare e per questo l’umanità è chiamata a coltivare tre grandi qualità morali: onestà, responsabilità e coraggio. Con l’Accordo di Parigi del 12 dicembre 2015, la comunità internazionale ha preso coscienza dell’urgenza e della necessità di dare una risposta collettiva per collaborare alla costruzione della nostra casa comune. Tuttavia, a quattro anni da quell’accordo storico, si osserva come gli impegni assunti dagli Stati sono ancora molto ‘fluidi’ e lontani dal raggiungere gli obiettivi fissati”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background