Scopre un Cimabue in cucina. Sgarbi: “Lo Stato lo compri”  

Pubblicato da in data 23 Settembre 2019

Scopre un Cimabue in cucina. Sgarbi: Lo Stato lo compri

(Afp)

Pubblicato il: 24/09/2019 16:53

di Carlo Roma

Lo Stato “avrebbe il dovere” di comprare il ‘Cristo deriso’, l’opera attribuita a Cimabue, trovata nella cucina di un appartamento in un piccolo comune a nord di Parigi. L’opera sarà venduto all’asta il 27 ottobre in Francia e il suo valore stimato è tra i 4 e i 6 milioni di euro. A sollecitare un intervento dello Stato è il critico d’arte Vittorio Sgarbi che, all’AdnKronos, spiega: “Due anni fa, quando apparve il dipinto di Leonardo ‘Il Cristo Benedicente Salvator Mundi‘, venduto all’asta a 450 milioni di dollari, l’Italia non diede un segno di vita. In questo caso sarebbe giusto che intervenisse: l’opera non solo ha un’importanza per la rarità d’autore ma perché la sua quotazione, benché in un mercato internazionale, sarà meno alta di quella di Leonardo. Anche se dovesse salire intorno ai 10 milioni di euro, lo Stato avrebbe il dovere di comprarlo”.

“Dalle immagini che ho visto – osserva Sgarbi – è un’attribuzione condivisibile, molto vicino a quello che sappiamo di Cimabue. Turquin (l’esperto d’arte chiamato per valutare l’opera ndr) è un uomo molto d’impatto, che ha un grande estro della comunicazione. Ha avuto, qualche anno fa, la felice intuizione sul ‘Giuditta e Oloferne’ di Caravaggio, ritirato dall’asta qualche mese fa perché non c’era un’universale considerazione sul nome”. Un caso, questo, che “fece molto parlare”.

Più in generale per il critico d’arte “le aste francesi che erano meno importanti di quelle inglesi, hanno con questi colpi improvvisi un richiamo superiore al passato. Sono delle mosse molte efficaci. L’opera, poi, è sicuramente interessante e significativa. Questa volta, più ancora che nel caso del ‘Giuditta e Oloferne’ di Caravaggio, sulla quale la critica ha mostrato delle riserve. Sono dei colpi ad effetto importanti”, conclude Sgarbi.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Italia Viva, Boschi e Faraone capigruppo

Aifa blocca lotti Buscopan, Zantac e Ranidil


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background