Rush misure anti-evasione per la manovra  

Pubblicato da in data 24 Settembre 2019

Rush misure anti-evasione per la manovra

(IPA /Fotogramma)

Pubblicato il: 25/09/2019 07:10

Rush al Tesoro sugli ultimi dettagli della Nota di aggiornamento al Def, che potrebbe essere varata già giovedì o comunque entro venerdì, con più probabilità. I tecnici del Mef stanno definendo le proiezioni di crescita e conti pubblici, dopo la pubblicazione di lunedì dei dati aggiornati sul 2018 da parte dell’Istat e della Banca d’Italia.

Intanto in audizione alla Camera sul ddl Rendiconto e Assestamento, il viceministro all’Economia Antonio Misiani conferma che il deficit/pil 2019 dovrebbe attestarsi “al 2%” e prefigura un pacchetto di misure anti-evasione per reperire le risorse in manovra, tra cui l’introduzione di ”incentivi per l’uso delle carte elettroniche”.

A livello tecnico a via XX settembre continuano i lavori sulla revisione della spesa e sulle ipotesi di sfoltimento delle tax expenditures, tavoli che andranno avanti fino alla definizione della manovra di bilancio, attesa in Consiglio dei ministri entro il 15 ottobre. Ma per capire il margine di manovra del governo per le misure annunciate, progetto di taglio del cuneo in primis, bisognerà aspettare le stime per il 2020 della Nota al Def. Nella migliore delle ipotesi il pil italiano il prossimo anno non dovrebbe superare lo 0,5%, con una revisione al ribasso rispetto ad aprile (crescita programmatica allo 0,7%) e in linea con gli istituti internazionali.

Il 2019 dovrebbe invece chiudere con una crescita al lumicino, se non piatta, mentre l’istituto nazionale di statistica ha ribassato il pil 2018 dal precedente +0,9 a 0,8%. Stime quelle dell’Istat che i tecnici del Mef stanno recependo nella Nota. Quanto al deficit potrebbe restare intorno al 2%, a patto di ottenere qualche deroga legata alla flessibilità Ue.

Resta l’incognita del debito pubblico, dopo la revisione al rialzo da parte della Banca d’Italia dello stock 2018 al 134,8% del Pil dal 132,2 stimato in precedenza. Va da sé che le stime indicate dal precedente governo ad aprile di un calo dal 132,6% del 2019 al 131,3 nel 2020 saranno disattese, sia per la revisione del dato 2018 da parte di Via Nazionale sia perché la stima includeva un piano di privatizzazioni da 18 mld talmente ambizioso da venire disatteso.

E per reperire le risorse in manovra è atteso un rafforzamento della lotta all’evasione. “E’ un grande problema del paese perché ogni anno 110 miliardi di euro vengono sottratti a fisco e all’Inps” spiega Misiani. Occorre proseguire sulla strada della tracciabilità ”con una serie di misure” tra cui l’introduzione di ”incentivi per l’uso delle carte elettroniche”, sottolinea. Questa può essere ”una strada fruttuosa per recuperare un ammontare di risorse significativo e cruciale per finanziare gli impegni rilevantissimi che attendono il paese nella prospettiva della legge bilancio 2020” a partire dalla sterilizzazione dell’Iva per 23,1 miliardi di euro.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

La settimana calda dei conti pubblici

Mef: “Tra 2020-24 discesa più rapida del debito/pil”


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background