In piazza il popolo di Greta 

Pubblicato da in data 26 Settembre 2019

Fridays for Future, in piazza il popolo di Greta

(Foto AdnKronos)

Pubblicato il: 27/09/2019 08:39

Da Roma a Milano, passando per Venezia, Torino e Palermo. In oltre 150 città d’Italia studenti e studentesse stanno scendendo in piazza per il terzo sciopero globale per il clima di Fridays for Future Italia con l’adesione di Unione degli Studenti, Link – Coordinamento Universitario e Rete della Conoscenza. (Foto)

“L’Assemblea delle Nazioni Unite è stata un fallimento – sottolinea Giacomo Cossu, coordinatore nazionale di Rete della Conoscenza – i potenti del pianeta non hanno intenzione di cambiare rotta per salvare il nostro futuro. Noi giovani continueremo a ribellarci contro questa classe politica, seguendo l’esempio di Greta e chiedendo che la giustizia climatica sia finanziata da chi si è arricchito con il modello economico insostenibile. Le multinazionali e i ricchi del pianeta devono contribuire alla riconversione ecologica più di tutti. Eppure il governo italiano si limita alla retorica, mentre secondo le bozze di decreto Clima intende dare sussidi ambientali dannosi fino al 2040, una scelta inaccettabile”.

MILANO – A Milano la manifestazione è partita da piazza Cairoli. Ad aprire il corte lo striscione “Siamo inarrestabili, un altro mondo è possibile”. Altri cartelloni come “we want climate justice” o “La terra ringrazia” stanno colorando le vie della città.

ROMA – Nella Capitale, piena affluenza di giovani che si sono dati appuntamento in una piazza della Repubblica gremita, da dove è partito il corteo. “Più di 200.000 studenti in piazza a Roma” secondo gli organizzatori. “Il nostro futuro vale più dei vostri profitti” si legge sullo striscione che apre il corteo degli studenti di scuole e università. ‘There is no Planet B’; ‘Cambiamo il sistema non il clima’; ‘How dare you’ spiccano tra striscioni e cartelli. Tanti gli slogan scanditi durante la marcia: “Lo studente paura non ne ha. Salvare il Pianeta, ora!”, tra gli altri. Predisposta anche una raccolta firme per una pdl di iniziativa popolare per la Transizione energetica.

FIRENZE – A Firenze circa diecimila persone, per lo più studenti, ma anche professori e genitori, si sono radunati in piazza Santa Maria Novella. I manifestanti hanno poi sfilato lungo le strade del centro cittadino fino a piazza Santissima Annunziata. Tanti gli striscioni durante il corteo, così come i cori scanditi dai manifestanti, tra cui “il pianeta è nostro e ce lo riprendiamo, i partiti in piazza non li vogliamo”. Cortei con migliaia di partecipanti anche in altre città toscane, tra cui Livorno, Pisa, Arezzo, Siena, Empoli.

TORINO – A suon di slogan “Insieme siamo partiti, insieme torneremo. Il pianeta è nostro e lo difenderemo”, migliaia di giovani sono partiti da piazza Statuto a Torino diretti in piazza Vittorio. Dietro lo striscione ‘Cambiamo il sistema non il clima’ i ragazzi con centinaia di cartelli che chiedono attenzione all’ambiente, protestano per chiedere misure urgenti a istituzioni e aziende per contrastare gli effetti del riscaldamento globale. La manifestazione a Torino arriva dopo una fitta settimana di eventi e flash mob organizzati dalla sezione torinese Fridays for future.

PALERMO – Momenti di paura al corteo per il clima degli studenti di Palermo. Un gruppo di ragazzi vestiti di nero ha creato confusione, in piazza Castelnuovo, all’angolo con via Ruggero Settimo. Si è arrivato anche allo scontro fisico tra due gruppi. Un ragazzo è stato anche colpito. Sono immediatamente intervenuti i poliziotti in tenuta antisommossa per riportare la calma. Ma centinaia di ragazzini, alcuni accompagnati anche dai genitori, sono stati schiacciati verso il cantiere dell’anello ferroviario. La situazione è presto tornata sotto controllo.

VENEZIA – Partecipano al Global Strike anche gli studenti di Venezia, forse la città più a rischio da un punto di vista di innalzamento inesorabile del livello del mare. Qui i ragazzi in maschera e boccaglio hanno calato dal ponte di Rialto uno striscione per invitare tutti a partecipare alla sciopero: “Abbiamo l’acqua alla gola – si legge -. Venice will sink first”. Azioni con maschera e boccaglio sono previste anche a Roma, Firenze, Palermo, Messina, Padova e altre 50 città.

L’ALLARME DELL’ONU – Intanto, anche il nuovo rapporto dell’Ipcc, il comitato scientifico sul clima dell’Onu, dedicato a oceani e ghiacci lancia un nuovo allarme: gli oceani sono sempre più caldi e i ghiacciai si sciolgono. Gli effetti del cambiamento climatico si fanno sentire e le conseguenze sono drammatiche: gli eventi estremi colpiranno almeno una volta l’anno entro il 2050, ondate di calore sempre più forti e frequenti, piogge e cicloni devastanti. Senza contare che l’innalzamento del livello del mare potrebbe portare a una migrazione su larga scala, con milioni di persone sfollate.

E le conseguenze del riscaldamento climatico si vedono anche nel nostro paese, dove è stato diramato un allarme per il ghiacciaio del Monte Bianco, che rischia di collassare. La comunità scientifica dunque invita i leader del mondo a reagire alla crisi climatica: i governi devono adottare misure “urgenti e ambiziose” per ridurre le emissioni. Allo stato attuale, si calcola che stiamo scaricando negli oceani un milione di tonnellate di Co2 ogni ora.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background