Comunità araba in Italia: “Tortellino? Non c’entra con integrazione” 

Pubblicato da in data 30 Settembre 2019

Comunità araba in Italia: Tortellino? Non c'entra con integrazione

(Fotogramma /Ipa)

Pubblicato il: 01/10/2019 14:08

di Patrizia Perilli

“Il tortellino non fa l’integrazione”. Lo dice all’Adnkronos Foad Aodi, presidente dell’Associazione Medici di Origine Straniera in Italia (Amsi) e delle Comunità del mondo Arabo in Italia (Co-Mai), commentando la decisione dell’arcivescovo di Bologna, Matteo Maria Zuppi, di festeggiare il santo patrono con il tortellino al pollo invece che con il maiale per non offendere i musulmani.

Con il tortellino di maiale “nessun musulmano si sarebbe sentito meno accolto” osserva Foad Aodi per il quale “modificare le ricette oppure togliere il crocifisso dalle scuole sono iniziative individuali, non richieste dalle nostre comunità. Chi di noi decide di vivere in Europa sapendo che ci sono diverse culture e diverse tradizioni deve essere in grado di rispettare le diversità, questa è integrazione: rispetto e solidarietà reciproco. Altrimenti deve prendere la valigia e andarsene”.

“La maggioranza dei musulmani non mangia carne di maiale ma non per questo pretende che si trasformino leggi o tradizioni. Io vivo tra Roma e l’Emilia Romagna, mia suocera è romagnola – racconta Foad Aodi – conosco bene le usanze di quei posti. Tra l’altro – chiarisce – dobbiamo considerare che l’85% dei musulmani in Italia, quelli arrivati negli anni ’70, integrati e sposati con cittadini italiani, sono laici”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background