Renzi: “Aumento Iva sarebbe un suicidio perfetto”  

Pubblicato da in data 30 Settembre 2019

Renzi: Aumento Iva sarebbe un suicidio perfetto

(Fotogramma)

Pubblicato il: 01/10/2019 16:48

“Non voteremo l’aumento dell’Iva. Molti dicono: voi non dovete fare i dispetti al governo. E infatti noi non vogliamo fare nessun dispetto al governo. Ma non vogliamo soprattutto fare dispetti agli italiani o regali a Salvini: l’aumento dell’IVA sarebbe un disastro“. Lo scrive Matteo Renzi nella enews.

“Innanzitutto perché abbiamo fatto il Governo spiegando che bisognava evitare l’aumento dell’Iva. E poi perché chi capisce di economia sa che i prossimi mesi saranno difficili: crisi economica tedesca, guerra dei dazi, tensioni internazionali. Diciamolo chiaramente: l’aumento dell’Iva metterebbe in ginocchio i consumi, un suicidio perfetto. E sarebbe un gigantesco assist a chi non capendo molto di geopolitica o economia individuerebbe nell’aumento dell’Iva la ragione della crisi”, sottolinea. “Qualcuno si stupisce che ci sia una sintonia tra Cinque Stelle e Italia Viva” sul no all’aumento dell’Iva? “Mi stupisce chi si stupisce: è una convergenza di buon senso” scrive Renzi.

L’ex premier parla anche della prossima Leopolda. “Italia Viva cresce. Centinaia di riunioni si stanno svolgendo in modo spontaneo in tutto il Paese. La Leopolda – spiega – sarà una grande occasione per rilanciare le nostre idee, presentare il simbolo e soprattutto per abbracciarci prima dell’inizio di questa nuova avventura”.

“Presenteremo il Family Act, il Piano di investimenti Verdi, il Manifesto di Italia Viva, le nostre idee per contrastare l’evasione fiscale. E qualche sorpresa. Tante riforme a costo zero ma utili a sbloccare il futuro del Paese. Il numero magico di questa decima Leopolda è 2029. Parleremo di futuro, infatti. E sarà bello provare a costruirlo, tutti insieme”, conclude Renzi.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background