Roma: si rifiuta di mostrare i documenti e prende a pugni i carabinieri, 9 mesi a irregolare  

Pubblicato da in data 10 Ottobre 2019

Pubblicato il: 11/10/2019 18:00

(di Silvia Mancinelli) – Sorpreso a bivaccare davanti alla Domus Aurea, nel cuore di Roma, è stato avvicinato da due carabinieri che gli hanno chiesto i documenti. Rifiutandosi perché “non stava facendo nulla di male”, li ha prima spinti, insultati e minacciati, per poi colpirli con calci e pugni facendoli cadere a terra. S. K., 33 anni della Costa D’Avorio, incensurato e irregolare in Italia, è stato condannato questa mattina a 9 mesi di reclusione per violenza, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale, a dispetto della pena di un anno e mezzo chiesta davanti al giudice dal pubblico ministero.

I fatti risalgono al 10 luglio scorso quando il giovane venne arrestato in flagranza, finalmente bloccato dopo aver afferrato per il collo un appuntato e aver strattonato violentemente per il braccio il collega che era con lui mandandoli in ospedale con lesioni giudicate guaribili in pochi giorni.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background