Boccia: “Misure su pos e contanti segno di civiltà” 

Pubblicato da in data 18 Ottobre 2019

Boccia: Misure su pos e contanti segno di civiltà

Il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia (FOTOGRAMMA)

Pubblicato il: 19/10/2019 11:18

“Non parlerei di battaglia che è una cosa seria per una cosa così banale come il Pos e il contante. Dà il senso di quanto non ci siamo nella valutazione dei problemi degli italiani, è segno di civiltà abbassare il tetto sui contanti, è segno di civiltà utilizzare la moneta elettronica, trasformare la vita di tutti i giorni in cose più semplici”. E’ il ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia a difendere così gli interventi inseriti nella manovra per contrastare l’evasione fiscale e rendere tracciabili i pagamenti.

“Si paga già in gran parte del mondo, con il cellulare, qualsiasi cosa e dovrebbero vergognarsi quelli che non ci consentono di farlo. Ci sono 205 miliardi cash che girano; noi vogliamo semplicemente migliorare la vita degli italiani abbassando i costi di transizione” prosegue, a margine dei lavori del convegno dei giovani di Confindustria.

“La manovra l’abbiamo appena approvata in Consiglio dei ministri ed è sempre stata ‘salvo intese’; il Parlamento è sovrano, le manovre si possono migliorare in Parlamento e se peggiorano meglio andare a casa” dice Boccia, replicando ai rilievi dei giovani imprenditori e ribadendo loro come il governo “c’è” , disponibile al confronto. “Un altro Cdm? Lo deciderà il presidente del Consiglio dei ministri io non voglio perdere tempo. Abbiamo trovato una cambiale di 23 miliardi da onorare, altri sei miliardi trovati li abbiamo messi sulla riduzione delle tasse e del costo del lavoro… non so se è poco”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background