Vela: Minitransat, Beccaria taglia il traguardo e entra nella storia  

Pubblicato da in data 14 Novembre 2019

Minitransat, Beccaria taglia il traguardo e entra nella storia

“Bogi” sul suo 943 Geomag

Pubblicato il: 15/11/2019 17:34

di Paolo Bellino – Il dato di cronaca è: dopo 13 giorni di navigazione Ambrogio “Bogi” Beccaria ha vinto la Minitransat, la transatlantica su barche di serie lunghe 650 centimetri, edizione 2019. Ma non si riesce a capire cosa è riuscito a fare per la storia della vela questo ragazzo milanese di 28 anni finché non si mettono in fila un po’ di fatti, e soprattutto il primo: Beccaria è terzo in classifica generale, superato solo da due prototipi. E’ una classe a parte nella regata, su barche costruite per andare più forte di quelle di serie: una cosa mai successa prima. E’ mancato un niente che Beccaria vincesse anche “overall”, in classifica generale.

Altro fatto: mai nessun italiano aveva vinto la transatlantica più difficile, dura e rischiosa che ci sia. Barche corte, basse e larghe, invivibili per qualunque velista “standard”, che planano anche con vento moderato, figurarsi con il forte soffio dell’Aliseo: come se per 12 o 13 giorni uno sciatore fosse in discesa libera curvando solo ogni tanto. E in solitario per di più, dormendo allo stesso ritmo dei cani e sempre con un occhio aperto. Quanto sopra è naturalmente valido per tutti i partecipanti alla regata, ma il terzo dato da considerare è che “Bogi”, fin dalle Canarie, s’è messo dietro 64 persone ritirati compresi (erano 87 alla partenza da La Rochelle per Las Palmas di Gran Canaria, prima tappa neanche a dirlo vinta da Beccaria), in massima parte francesi, i più tosti, esperti, ruvidi -e sponsorizzati- navigatori oceanici dell’emisfero nord. Il secondo in classifica, Nicolas d’Estais, è oltre 90 miglia dietro; il terzo, Benjamin Ferré, oltre 120. L’ultimo ancora in gara, Jean Lorre, altro francese, è oltre mille miglia dietro. In 42 anni solo 4 non francesi hanno vinto la Minitransat.

Se non bastasse l’elenco sopra, forse possono servire anche le parole pronunciate dal vincitore della classe Prototipi, François Jambou, arrivato ieri: “Se c’è qualcuno che mi ha impressionato in questa regata è Ambrogio. Penso che sia il miglior marinaio che abbia mai visto. E’ impressionante.Correre con una barca di Serie come se fosse il migliore dei Prototipi, è stato il momento magico della gara. Correva forte, era con noi, o avanti a noi!Mi ha completamente allucinato. Ovviamente quando il vento è un po’ calato, con la mia barca più potente e più leggera ho preso le distanze. Credo che Ambrogio abbia consacrato il livello eccezionale che c’è sui Mini”.

Sul ritmo tenuto da Beccaria, sulle scelte tattiche e sulla capacità di navigare spesso più veloce dei suoi diretti concorrenti, Tanguy Le Turquais, specialista Mini e bordo con Ambrogio al Mini Fastnet osserva: “la sua velocità è stata assolutamente impressionante, vederlo secondo overall dopo una settimana di regata è folle. Non so se conosco la giusta spiegazione, ma penso che all’inizio della regata il vento fosse molto forte e non permettesse ai prototipi di accelerare abbastanza. Ambrogio ha sicuramente passato tanto tempo al timone della sua barca con una vela più grande rispetto ai proto e quindi è riuscito a tenere velocità più alte della media”.

Di sé scrive, sul suo sito: “Ambrogio Beccaria (Milano, 1991) naviga da quando ha 14 anni. Da ragazzo frequenta i corsi di vela del Velamare Club, in Sardegna, dove viene “parcheggiato” come molti ragazzini milanesi per cinque estati di fila, imparando così a navigare tra gli scogli e gli isolotti dell’Arcipelago della Maddalena e le Bocche di Bonifacio”. Una curiosità: il main sponsor, Geomag, produce giocattoli magnetici con cui “Bogi”, da bambino, giocava.

Lanciata nel 1977 dall’inglese Bob Salmon, l’idea della Minitransat era quella di arginare la tendenza a transoceaniche in solitario con barche sempre più grandi, quindi costose e non alla portata di tutti a meno di avere sponsor: erano gi anni “popolari” della navigazione a vela, inaugurati dal grande navigatore francese François Moitessier, “il barbone dei mari”, che dimostrò fin dagli anni ’50 che si poteva navigare -e anche vincere regate transoceaniche- con mezzi autocostruiti e praticamente senza soldi. Da allora sono passate 21 edizioni, quasi sempre appannaggio dei francesi, con barche sì piccole ma sempre più tecnologiche.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background