Alba Parietti e l’addio a Lucio Nisi: “Ci mancherai” 

Alba Parietti e l'addio a Lucio Nisi: Ci mancherai

(Fotogramma)

Pubblicato il: 16/11/2019 13:00

“Ci mancherai, perché sei parte di noi”. Alba Parietti rende omaggio a Lucio Nisi, uno dei fondatori del Plastic, storico locale di Milano. “Io arrivai a Milano all’inizio degli anni 80. Ero una ragazzina con un figlio piccolo e tanti sogni. Il primo sogno che realizzai era entrare dalla porta del Plastic di uno dei locali che era molto più di una discoteca. Era minuscola ma dentro c’era un mondo , il mondo inimmaginabile fondato inventato da Lucio Nisi. Sono stati gli anni più belli della mia vita e c’era Lucio, con la sua allegria, intelligenza, la sua fantasia , un uomo che pur essendo semplice aveva saputo radunare e il più bel mondo della notte che io abbia mai visto in vita mia, costruire un mito, c’erano i sogni di tutti noi in quel locale, c’erano magia, diversità, artisti, musica, gaiezza, tutto con la bellezza che quell’uomo buono, dolce, affettuoso, sensibile e intelligente sapeva fondere. Per noi era davvero casa”, scrive Parietti su Instagram.

“Arrivava chiunque da Madonna a David Bowie, le più grandi star mondiali sono tutte passate da lì, noi, ci vivevamo lì dentro lo chiamavamo l’’ufficio. Era il nostro punto di riferimento nella notte della milano da bere, ma il Plastic era molto di più. Potevi essere ciò che eri”, aggiunge.”Ci siamo stati e ci sono passati tutti tutti i più grandi, tutti i più folli, tutte le trans, tutti i più originali artisti. L’anima era sempre Lucio. Io come tutti noi ragazzi degli anni 80 che abbiamo contribuito a fare grande e mitico il Plastic che diventò leggenda grazie a te, saremo per sempre legati a Lucio e a questi ricordi indelebili. E oggi con Lucio amore mio, muore un’epoca e muore per sempre una parte di noi. Perché Lucio è il Plastic era un’anima sola. Addio amico meraviglioso e adorato. Fai buon viaggio e fonda (ovunque andrai) il tuo Plastic, non può mancare il tuo cuore visionario e geniale . Ci mancherai, perché sei parte di noi”, conclude.

Visualizza questo post su Instagram

Io arrivai a Milano all’inizio degli anni 80. Ero una ragazzina con un figlio piccolo e tanti sogni. Il primo sogno che realizzai era entrare dalla porta del #Plastic di uno dei locali che era molto più di una discoteca. Era minuscola ma dentro c’era un mondo , il mondo inimmaginabile fondato inventato da Lucio Nisi . Sono stati gli anni più belli della mia vita e c’era Lucio, con la sua allegria , intelligenza, la sua fantasia , un uomo che pur essendo semplice aveva saputo radunare e il più bel mondo della notte che io abbia mai visto in vita mia, costruire un mito , c’erano i sogni di tutti noi in quel locale, c’erano magia, diversità ‘ , artisti, musica gaiezza , tutto con la bellezza che quell’uomo buono, dolce , affettuoso , sensibile e intelligente sapeva fondere. Per noi era davvero casa . Arrivava chiunque da Madonna a David Bowie, le più grandi star mondiali sono tutte passate da lì , noi io @grazianoantonacci @biagioantonacci @cristianodeandre @ricavino @alestepanoff @enricoruggeri @claudiocecchetto @albertofortis @dolcegabbana @sandymarton ci vivevamo lì dentro lo chiamavamo l”ufficio . Era il nostro punto di riferimento nella notte della milano da bere, ma il @clubplasticmilano era molto di più . Potevi essere ciò che eri , . Ci siamo stati e ci sono passati tutti tutti i più grandi , tutti i più folli , tutte le trans, tutti i più originali artisti. L’anima era sempre Lucio. Io come tutti noi ragazzi degli anni 80 che abbiamo contribuito a fare grande e mitico il #Plastic che divento ‘ leggenda Grazie a te , saremo per sempre legati a Lucio e a questi ricordi indelebili . E oggi con Lucio amore mio, muore un’epoca e muore per sempre una parte di noi. Perché Lucio è il Plastic era un’anima sola. Addio amico meraviglioso e adorato. Fai buon viaggio e fonda in ( ovunque andrai ) il tuo Plastic non può mancare il tuo cuore visionario e geniale . Ci mancherai , perché sei parte di noi . #lucionisi @clubplasticmilano @grazianoantonacci @ricavino @cristianodeandre @pieromaranghi @alestepanoff @sandymarton @albertofortis @biagioantonacci @sandymarton@stefanosenardi a

Un post condiviso da Alba Parietti Officialpage (@albaparietti) in data: 16 Nov 2019 alle ore 2:09 PST