Mes, Lega e Fdi sulle barricate  

Pubblicato da in data 27 Novembre 2019

Mes, Lega e Fdi sulle barricate

(Fotogramma)

Pubblicato il: 28/11/2019 12:52

Il Mes continua a infiammare il dibattito politico, con Lega e Fdi sulle barricate. “Da Conte atto gravissimo, un attentato ai danni del popolo italiano – dice Matteo Salvini, parlando in conferenza stampa alla Camera – Chiederemo al garante della Costituzione di fare valere la Costituzione”.

“Torniamo in Parlamento, torniamo lì e ridiscutiamo tutto – scandisce – Noi non abbiamo cambiato idea, questo è un attentato alla sovranità nazionale, i traditori devono pagare”. “Abbiamo documentazione, messaggi, chat, scambiati con Conte, con il Mef, che possono essere messi a disposizione del popolo italiano – afferma il leader della Lega – Ci rassicuravano di non aver preso alcun impegno, se scoprissimo che impegno lo hanno preso, allora la cosa cambia, io qualche messaggio lo posso pure girare…”.

Chiederemo un appuntamento a Mattarella per evitare la firma di un trattato che sarebbe mortale” annuncia Salvini, spiegando che sul Mes la Lega sta valutando anche il ricorso alle carte bollate: “I nostri legali stanno studiando l’ipotesi di un esposto ai danni del governo e di Conte“.

Giorgia Meloni in conferenza stampa a Montecitorio commenta la notizia che il premier Giuseppe Conte ha dato la disponibilità a riferire in Aula sul nodo del Fondo salva-Stati. ”Aspettiamo Conte in Aula a braccia aperte…” dice la leader di Fdi.

”Lo aspettavamo Conte già oggi, ma lui ha fatto sapere che non può. Comunque – aggiunge Meloni – speriamo che ci venga a spiegare che non è vero quello che il ministro dell’Economia ha detto ieri, e cioè che il Mes sarebbe inemendabile. Noi pretendiamo, come Fdi, che il Parlamento italiano possa modificare e decidere su un fondo nel quale l’Italia si impegna a versare 125 miliardi di euro, per salvare la banche tedesche. Non si può fare e noi andremo fino in fondo”.

“Il 9 dicembre Fdi sarà a Bruxelles in massa per manifestare e rivendicare la sovranità italiana” sul nodo del Mes, sottolinea ancora Meloni, e “il fatto che l’Italia è una Repubblica parlamentare e le questioni centrali passano da lì”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background