Cybersecurity, ok primo test italiano per comunicazioni a prova di hacker 

Cybersecurity, ok primo test italiano per comunicazioni a prova di hacker

(Foto Cnr)

Pubblicato il: 06/12/2019 12:41

Realizzato il primo test italiano di crittografia quantistica. Un pool di ricercatori dell’Istituto nazionale di ottica del Cnr e del Lens di Firenze, in collaborazione con Inrim di Torino e Università Tecnica della Danimarca, hanno testato un sistema di comunicazione quantistica utilizzando come canale di trasmissione una fibra ottica installata nell’area metropolitana di Firenze. Questo test sul campo eseguito in Italia su una porzione della dorsale italiana in fibra ottica da Torino a Matera, di circa 1.800 chilometri, “costituisce il passo iniziale per la futura realizzazione dell’Italian quantum Backbone (Iqb), ovvero la rete italiana di comunicazione quantistica, capace di garantire la privacy degli utenti e sicurezza dei dati, a prova di cyber-attacchi” spiegano i ricercatori.

“I nostri risultati -assicurano- rappresentano il primo passo per la futura realizzazione dell’Italian Quantum Backbone, una rete attraverso cui sarà possibile scambiare dati e informazioni sensibili a prova di hacker e resistente perfino agli attacchi di un computer quantistico”.

In particolare, l’Europa si sta dotando di una innovativa rete per le Comunicazioni Quantistiche, Euroqci, che combina l’utilizzo di fibre ottiche commerciali con quello di satelliti dedicati ed in Italia, paese all’avanguardia in questo settore, si sta lavorando alla possibilità di integrare questa tecnologia con le reti e le infrastrutture in fibra ottica già installate, che utilizziamo quotidianamente per tlc.

Possiamo “ambire ad avere un ruolo fondamentale nello sviluppo futuro delle tecnologie quantistiche su fibra ottica” commenta Davide Calonico, ricercatore Inrim e coordinatore dell’infrastruttura nazionale in fibra ottica Quantum Backbone.