Sardine, Guccini: “Troppo vecchio per esserlo” 

Pubblicato da in data 6 Dicembre 2019

Sardine, Guccini: Troppo vecchio per esserlo

Pubblicato il: 07/12/2019 09:12

Francesco Guccini non sarà una sardina. A dirlo è proprio il Maestrone, intervistato ieri sera da Diego Bianchi per Propaganda Live. Il cantautore emiliano spazia dal movimento nascente che sta conquistando le piazze d’Italia passando per Renzi, fascismo, Pci e le imminenti elezioni regionali.

Sono troppo vecchio per essere una sardina“, spiega Guccini parlando della piazza di Castelnuovo riempita a poca distanza da quella leghista. E Salvini? “Penso che sia molto furbo – spiega -, bravo perché ha portato un partito piccolo” a crescere. “Quelli della Lega – continua – sono molto avvertiti su quello che accade, non gli sfugge nulla. Hanno un sistema di informazione e propaganda. Un mio amico vent’anni fa era sindaco comunista di un paese, ora il sindaco di quel paese è leghista. Gli ho detto che molti del Pci da loro erano un po’ leghisti dentro, la trasformazione non è stata così radicale. Avevano delle basi dentro di loro. Solo per citarne una la paura degli extracomunitari. C’era qualche cosa dentro di loro e ce l’avevano già da comunisti”. Ora, dice, “non ci sono più le classi dirigenti di una volta. Manca personalità, carisma, forse anche contenuti. Sono di sinistra ma – racconta – non sono mai stato del Pci. L’ho votato, certo, ma non avevo la tessera“.

Guccini rivela poi una ‘passione’ inedita, quella per la vecchia Radio Padania: “L’ascoltavo con un certo divertimento e me la ascoltavo per andare a sentire la vecchia Lega”. E su Fratelli d’Italia colpisce duro: “Conosco anche molte canzoni fasciste, essendo nato nel 1940. Quelli come Fratelli d’Italia o i neonazi vorrebbe riportarci al fascismo, ma sono troppo pochi, non ce la faranno”. Poi il passaggio su Renzi e Italia Viva. Per Guccini si tratta di una “ennesima scissione, non so in cosa speri. Non mi ha mai convinto, infatti votai Bersani alle primarie. Questo continuo pungolare il governo è un gioco assurdo, lo fa per soddisfazione personale, per far vedere che c’è, che conta ancora”.

E alla fine arriva “l’endorsement” per il voto in Emilia Romagna: “Bonaccini sicuramente, la Borgonzoni non ha convinto neanche suo padre. Son cose loro, ma vuol dire qualcosa”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background