Corridoi umanitari per i migranti 

Pubblicato da in data 10 Dicembre 2019

Allargare a tutta l’Unione Europea il programma di corridoi umanitari, legali e sicuri, verso l’Europa riservati a profughi in condizioni vulnerabili, che viene attuato da quattro anni in Italia, Francia, Belgio e altri Paesi in collaborazione con partner sociali (nel nostro Paese la Federazione delle Chiese Evangeliche Italiane e la Comunità di Sant’Egidio). A proporlo è Paolo Naso, coordinatore di Mediterranean Hope, il programma per i migranti e rifugiati della Fcei, venuto a Bruxelles a presentare la proposta in un convegno cui hanno partecipato anche la viceministra degli Esteri Emanuela Del Re e il vicepresidente del Parlamento Europeo Fabio Massimo Castaldo, entrambi del M5S. Si tratta, sottolinea Naso, di una possibilità già prevista dal regolamento di Schengen.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background