Andare al museo e a teatro ‘elisir’ di longevità 

Pubblicato da in data 26 Dicembre 2019

Andare al museo e a teatro 'elisir' di longevità

Teatro La Fenice (Ftg/Ipa)

Pubblicato il: 27/12/2019 15:06

di Margherita Lopes

Più arte, teatro e musica: ecco un’idea da inserire tra i buoni propositi per l’anno nuovo, almeno se si punta a vivere più a lungo. Visite regolari a musei, gallerie d’arte, teatri o concerti sono collegate, infatti, a una vita più lunga, almeno secondo uno studio britannico pubblicato nel numero di Natale del ‘Bmj’. Non solo: più spesso le persone si impegnano in ‘sessioni di arte’ e minore è il rischio di morte, assicurano i ricercatori dell’University College London (Ucl).

Precedenti studi avevano messo in luce il fatto che l’arte può migliorare il benessere fisico e mentale di una persona. Ma non c’erano dati sulla sopravvivenza e per questo i ricercatori dell’Ucl hanno deciso di indagare sull’associazione tra diverse frequenze di impegno artistico e mortalità. Dopo aver monitorato i dati di oltre 6.000 adulti in Inghilterra, tutti over 50, coinvolti nello studio longitudinale inglese sull’invecchiamento (Elsa), il team ha messo in luce il potere delle esperienze artistiche e culturali sulla longevità.

La frequenza di questo tipo di attività – andare a teatro, concerti, opera, musei, gallerie d’arte e mostre – è stata misurata all’inizio dello studio nel 2004-5. I partecipanti sono stati quindi seguiti per una media di 12 anni e i decessi sono stati registrati utilizzando i dati sulla mortalità del servizio sanitario britannico. Dopo aver tenuto conto di una serie di fattori economici, sanitari e sociali, i ricercatori hanno scoperto che le persone che si concedevano esperienze artistiche o culturali una o due volte l’anno avevano un rischio inferiore del 14% di morire (in qualsiasi momento durante il periodo di follow-up) rispetto a coloro che non lo facevano mai (3,5 decessi su 1.000 persone/anni contro 6 decessi per 1.000 persone/anni). Non solo: chi si dedicava ad attività artistiche più spesso (almeno una volta ogni pochi mesi) totalizzava un rischio di morte inferiore del 31% (2,4 decessi su 1.000 persone/anni).

Un’associazione protettiva spiegata in gran parte dalle differenze in cognizione (pensiero e comprensione), salute mentale e attività fisica tra coloro che si dedicavano all’arte e ‘gli altri’. Ma i risultati si sono conservati indipendentemente da questi e altri fattori come problemi di mobilità, ricchezza ed essere andati in pensione.

Questo è uno studio osservazionale, quindi non è possibile stabilire la causa del fenomeno osservato. “Nel complesso, i nostri risultati evidenziano l’importanza di continuare a esplorare i nuovi fattori sociali come determinanti fondamentali della salute”, concludono gli autori. Inoltre tutti dovrebbero avere la possibilità di partecipare ad attività culturali, affermano in un editoriale collegato.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background