Capodanno 2020, gli incidenti più gravi per i botti 

Pubblicato da in data 31 Dicembre 2019

Capodanno 2020, gli incidenti più gravi per i botti

(Fotogramma)

Pubblicato il: 01/01/2020 13:02

Un morto e 204 feriti nella notte di Capodanno. Ecco gli episodi più gravi secondo il bilancio diffuso dalla Polizia di Stato.

-ASCOLI PICENO. Un uomo di 27 anni è deceduto a seguito di una caduta in un dirupo nel tentativo di spegnere un principio di incendio nella sterpaglia sottostante provocata dall’accensione di alcuni artifici pirotecnici.

-MILANO. Un uomo di 23 anni, mentre festeggiava in strada con amici raccoglieva un artificio pirotecnico rimasto inesploso che, deflagrando accidentalmente, gli procurava l’amputazione traumatica della mano destra e ferite multiple al volto e agli arti inferiori con prognosi di 90 gg.

-MILANO. Un bambino di 4 anni, mentre si trovava nel cortile condominiale, si avvicinava a un petardo inesploso che deflagrava accidentalmente, riportando la frattura del primo dito della mano sx con prognosi di 30 gg.

-MILANO. A Cuggiono, un quattordicenne rimaneva ferito ad una mano dopo aver raccolto per strada un petardo inesploso. E’ stato sottoposto ad intervento chirurgico in ospedale per sub amputazione della mano sinistra ed escoriazioni agli arti inferiori con ustioni di I grado.

-MILANO Una bambina di 9 anni è stata ricoverata in ospedale con 25 gg di prognosi per ferite varie alle mani provocate dall’esplosione di un gioco pirotecnico.

-CATANIA. Un ventenne ha completamente perso l’uso della mano destra a causa dello scoppio accidentale di un grosso petardo che stava lanciando dal balcone di casa ed è stato ricoverato in ospedale per essere sottoposto ad intervento chirurgico.

-ROMA. Un 36enne ha riportato l’amputazione sub totale della mano destra ed è stato ricoverato in ospedale in prognosi riservata.

-CASERTA. Ad Aversa, una ragazza di 18 anni, mentre era sul balcone della propria abitazione, veniva attinta allo stomaco da un colpo d’arma da fuoco vagante e ricoverata in ospedale in prognosi riservata per essere sottoposta a intervento chirurgico.

-MESSINA. Una donna di 52 anni rimaneva ferita al I dito della mano sinistra che veniva asportato durante il maneggio di un’arma ed è stata ricoverata in ospedale con una prognosi superiore ai 40 gg.

-REGGIO EMILIA. Un giovane di 19 anni ha riportato una lesione all’occhio sinistra dovuta all’esplosione di un razzo ed è stato ricoverato in ospedale in prognosi riservata.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background