Mafia: depistaggio Borsellino, pm Petralia ‘mai preparato Scarantino a deposizione’/Adnkronos 

Pubblicato da in data 19 Gennaio 2020

Depistaggio Borsellino, pm Petralia: Mai preparato Scarantino a deposizione

Fiammetta Borsellino (Adnkronos)

Pubblicato il: 20/01/2020 19:15

(dall’inviata Elvira Terranova) – Dice di non avere “mai preparato” il falso pentito Vincenzo Scarantino alla prima importante deposizione in un processo sulla strage di via D’Amelio e che “le redini delle indagini” erano “nelle mani di Ilda Boccassini” che “aveva un rapporto personale privilegiato” con l’allora dirigente della Squadra mobile di Palermo Arnaldo La Barbera, che era a capo del gruppo investigativo ‘Falcone e Borsellino’. Ma sottolinea anche più volte, tra molti “non ricordo” di “non avere mai saputo dei colloqui investigativi” dello stesso Scarantino nel periodo in cui l’ex ‘picciotto’ della Guadagna decide di collaborare con i magistrati di Caltanissetta che indagavano sulle stragi mafiose.

Deposizione fiume del Procuratore aggiunto di Catania Carmelo Petralia al processo sul depistaggio sulle indagini della strage di via D’Amelio a Caltanissetta. Alla sbarra tre poliziotti: Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo, accusati di calunnia aggravata in concorso. Per l’accusa avrebbero creato a tavolino pentiti come Vincenzo Scarantino.

Il magistrato, che è stato interrogato dai pm Stefano Luciani e Gabriele Paci alla presenza del suo difensore, è indagato per calunnia aggravata dall’avere favorito Cosa nostra dalla Procura di Messina. Secondo la Procura guidata da Maurizio de Lucia, Petralia insieme con un altro magistrato che coordinò le indagini sulla strage, Annamaria Palma, avrebbe contribuito al depistaggio.

In quasi otto ore di interrogatorio il magistrato ripercorre il periodo delle indagini avviate dalla Procura di Caltanissetta sulle stragi. Occhi puntati in particolare sulle telefonate registrate nella primavera del 1995 con il falso pentito Scarantino. Nelle scorse settimane la Procura di Messina aveva depositato le intercettazioni tra cui quella di Petralia con Scarantino in cui si parla di “preparazione” dell’interrogatorio di Scarantino davanti ai giudici.

“Il termine ‘preparazione’ è stato equivocato facilmente dai media – dice Petralia – Semplicemente era riferito a una serie di indicazioni su come comportarsi in dibattimento che volevo dare a Scarantino. In altre parole volevo dargli una sorta di codice comportamentale che ogni buon collaboratore di giustizia deve osservare per essere efficace e per deporre in modo dignitoso”.

“Nel caso di specie stavamo celebrando con unici e fragili elementi il primo dibattimento per la strage di via D’Amelio e il soggetto era problematico, con questo chiaramente non intendo dire mentitore volontario, ma un soggetto che aveva molte criticità – dice Petralia- Quindi bisognava avere particolare attenzione a prepararlo a una efficace esposizione. Prepararsi voleva dire solo questo, certo non significava indurlo a mentire”.

Magistrati e investigatori interrogarono Scarantino l’11 maggio 1995, cioè tre giorni dopo la telefonata con il pm Petralia. Il 25 maggio 1995 il falso pentito andò in aula per la sua prima deposizione in Corte d’assise. “Spiegavo a Scarantino che iniziava la fase prodromica della deposizione -dice Petralia – e Scarantino era in una fase di stress. Come ogni pm che si è occupato di processi con collaboratori di giustizia, anche problematici, volevo spiegare a Scarantino che non doveva andare fuori dalle righe e che doveva evitare di replicare e di avere quei codici comportamentali che ogni collaboratore di giustizia deve avere”.

Poi, il magistrato fa anche autocritica e tiene a precisare che “oggi è relativamente facile cogliere le criticità di quell’indagine. Ma allora c’erano i poliziotti che portavano elementi che avevano suscettibilità di sviluppo investigativo. Loro ci credevano e io non avevo gli strumenti per sospettare una malafede”.

Buona parte della lunga deposizione è stata dedicata alla figura di Vincenzo Scarantino. Petralia ribadisce più volte di non avere saputo “dei colloqui investigativi”. “Non ho conoscenza di colloqui investigativi con Vincenzo Scarantino effettuati dagli investigatori e autorizzati dalla procura di Caltanissetta: ne ho appreso l’esistenza oggi e al processo Borsellino Quater. Ma non ho avuto, nello specifico, contezza di colloqui investigativi effettuati dalle forze di polizia per le indagini di cui ci stiamo occupano”, ha sottolineato.

“Io ho partecipato ai primi due interrogatori di Scarantino del 24 e 29 giugno 1994 – ha spiegato – al carcere di Pianosa con i colleghi della Procura di Caltanissetta, tra cui Ilda Bocassini”. E ha aggiunto: “Ho provato grande stupore, leggendo la sentenza del Borsellino Quater, nell’apprendere di colloqui investigativi precedenti a questi interrogatori”.

Nell’udienza di oggi si è anche parlato della intervista rilasciata da Scarantino in cui annunciava per la prima volta la sua ritrattazione. “Mi arrivò la notizia che Scarantino aveva ritrattato quanto ci aveva raccontato sulla strage di via D’Amelio nel corso di una trasmissione televisiva e decisi di andarlo a interrogare subito, perché se ritrattazione doveva essere, questa si sarebbe dovuta fare in udienza non in tv”, ha detto Petralia. E il pm Luciani gli chiede: “Come seppe della ritrattazione visto che notificò l’avviso dell’interrogatorio di Scarantino prima ancora che la trasmissione andasse in onda?”. “Non ricordo, forse me lo dissero i colleghi”, risponde.

Le registrazioni furono sequestrate su ordine della magistratura. Ma il provvedimento del sequestro non è mai stato trovato. “C’è agli atti – dice oggi Petralia- ricordo di averlo firmato io. Ricordo che ci chiedemmo se era il caso di sequestrare il supporto magnetico e mi pare di avere disposto sequestro”. Ma cosa aveva detto Scarantino quel 26 luglio del 1995 al giornalista Angelo Mangano?”Ho deciso di dire tutta la verità e di non collaborare più perché ho detto tutte bugie. Io sono innocente… Non è vero niente, sono tutti articoli che ho letto sui giornali, e ho inventato tutte queste cose”.

Torna anche l’ombra dei servizi segreti nel processo sul depistaggio.

Come ha sottolineato il Procuratore aggiunto di Catania Carmelo Petralia “dopo le stragi di Capaci e via D’Amelio, visto lo choc generale subito dal Paese, ci fu un concorso di contributi investigativi incredibile. C’erano momenti in cui nella stanza del procuratore c’erano funzionari dell’Fbi o della polizia tedesca. Mancava solo il Mossad… E in quel contesto c’era anche la presenza di appartenenti al Sisde. In particolare ricordo che c’era Bruno Contrada con cui una volta andammo anche a pranzo. In un albergo di Caltanissetta. Di Contrada avevo comunque sentito parlare da collaboratori di Falcone che mi avevano riferito, tra l’altro, di una diffidenza del magistrato verso di lui”.

“A tenere i contatti con Contrada sicuramente era il capo dell’ufficio, Gianni Tinebra – ha detto il magistrato rispondendo al pm Luciani che gli chiede chi aveva rapporti diretti con i servizi segreti- Ci fu un contributo informativo da parte del Sisde. In che modo si sia sostanziato e quanto sia durato non lo so”.

Oggi il Tribunale ha anche acquisito la relazione della Dia con le presunte discordanze sulle registrazioni delle intercettazioni delle telefonate di Vincenzo Scarantino. Nella relazione ci sarebbero delle discordanze tra i nastrini registrati e i brogliacci contenenti le trascrizioni delle telefonate dell’ex collaboratore che era sotto protezione. Ci sono alcune telefonate, tra cui quattro ai magistrati che indagano sulla strage di via D’Amelio, accertate dalla macchina mentre nei brogliacci si legge che era impossibile registrare quelle telefonate. Secondo l’accusa la registrazione potrebbe essere stata staccata volontariamente.

A fine udienza il procuratore aggiunto di Caltanissetta Gabriele Paci ha infine annunciato che il componente del Csm Antonino Di Matteo è stato citato, come teste, all’udienza del 3 febbraio. Di Matteo dopo le stragi fece parte del pool che coordinava l’inchiesta.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background