Azerbaijan, un premio per la fratellanza a Baku 

Pubblicato da in data 6 Febbraio 2020

Azerbaijan, un premio per la fratellanza a Baku

Pubblicato il: 07/02/2020 11:14

di Martina Luise

“L’Azerbaijan è diventato un’area internazionale molto importante per il dialogo interreligioso e interculturale”. Lo afferma Emil Nasirli, capo redattore dalla rivista internazionale ‘My Azerbaijan’ che sottolinea come negli ultimi anni a Baku si sono tenuti numerosi incontri e forum, aggiungendo che anche rappresentati vaticani hanno partecipato e contribuito a tali eventi.

La rivista, nata 13 anni or sono e famosa in Russia, Europa ed America come stampa dedicata alla politica internazionale, è impegnata in un progetto che vuole premiare, sulla base di indagine inerenti, le personalità internazionali che intrattengono relazioni amichevoli con l’Azerbaijan. Il titolo dell’onorificenza è: “100 Friends of Azerbaijan” ed è dedicato alle 100 personalità influenti, famose e di grande valore che sostengono relazioni amichevoli con l’Azerbaijan con l’Ordine d’oro “Amico dell’Azerbaijan”. Il progetto è partito dal 2016 ed ha preso corpo nel 2018, anno in cui l’Azerbaijan ha festeggiato 100 anni di indipendenza e di liberazione dalla dominazione russa.

Il 4 febbraio scorso una delegazione della rivista internazionale mensile My Azerbaijan accompagnata dall’Avvocato Maurizio Branchicella, ha assegnato e premiato Sua Eminenza il Cardinale Francesco Coccopalmerio e ha portato con se un premio anche per il Santo Padre. Lo stesso giorno è stato premiato anche l’Avvocato Maurizio Branchicella come esponente del Foro romano impegnato nel trattenere rapporti di amicizia con l’Azerbaijan.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background