Sanremo, vince Diodato 

Sanremo, al via la finaleLa classifica provvisoria

Pubblicato il: 08/02/2020 21:02

Inizio in grande stile per la serata finale di Sanremo 2020, che si è aperta con la banda dei Carabinieri che ha suonato l’Inno di Mameli e tutto il pubblico dell’Ariston in piedi a cantare e a renderle omaggio. “Un simbolo che unisce tutta l’Italia”, è la presentazione di Amadeus sottolineando che la banda “quest’anno compie 100 anni dalla sua fondazione”. Il pubblico canta, molti hanno la mano sul cuore mentre la banda suona diretta dal maestro Massimo Martinelli. La finale è cominciata.

Poi Amadeus annuncia la classifica provvisoria. Sul gradino più alto del podio in questo momento c’è Diodato seguito da Francesco Gabbani.

E’ Mara Venier la prima a scendere le scale rigorosamente scalza come promesso. La conduttrice si è tolta le scarpe prima di percorrere la scalinata del teatro e arrivare sul palco da Amadeus. In smoking ‘total black’, è stata accolta dal padrone di casa dell’Ariston che ha consegnato le chiavi del teatro annunciando che domani, come ogni anno all’indomani della finale, ci sarà la diretta di ‘Domenica In’ direttamente dal palco del festival, condotta dalla Venier.

Dopo i primi tre cantanti in gara, Fiorello ha deciso di omaggiare nella serata finale di Sanremo il suo “amico pazzesco” Amadeus. “Ce l’hai fatta”, gli dice. “Ce l’abbiamo fatta”, risponde lui. Fiorello rivela anche che già venerdì notte la Rai ha proposto ad entrambi il bis per il 2021: “Ieri ci hanno chiesto di fare il Sanremo Bis, la risposta la daremo ala fine di questa puntata, cioè la settimana prossima”. Poi chiede la standing ovation per Amadeus e l’Ariston si alza in piedi. “Un Sanremo pazzesco”, ha detto scherzando: “Ieri sera dietro le quinte sembrava ‘delirio a Las vegas’: ho visto Morgan correre dietro a Bugo, ho visto Rita Pavone giocare a burraco con Dua Lipa, Piero Pelù struccare Achille Lauro”.

Quindi chiama l’ovazione per il suo amico, che arriva sulla scala dell’Ariston con la parrucca alla Maria De Filippi. “Sembri Montezemolo ossigenato”, ride Fiorello. Poi Fiorello gli chiede l’imitazione di Celentano e Amadeus balla come il Molleggato in ‘Juppy Du’ e Fiorello commenta: “Sembri Enzo Paolo Turchi”. Il finale del siparietto è un omaggio a Morandi. I due per l’occasione si ribattezzano di Amarello (crasi tra Amadeus e Fiorello) e cantano “Un mondo di amore”, sdoganando anche l’ugola del direttore artistico.