Oscar, Joaquin Phoenix ricorda il fratello River 

Oscar, Joaquin Phoenix ricorda il fratello River

(Afp)

Pubblicato il: 10/02/2020 07:52

Miglior attore protagonista con il suo ‘Joker’. Joaquin Phoenix riceve l’Oscar ed emoziona la platea nella notte dell’Academy con un discorso per i diritti, contro ogni forma di discriminazione. Passando per le “cose terribili” fatte nella sua vita e chiudendo con un tributo all’indimenticabile fratello River, l’attore morto a soli 23 anni per overdose nel 1993.

“Parliamo di disuguaglianze di genere, degli afroamericani, dei nativi, della comunità Lgbt“, ha detto dal palco ricordando come il cinema gli abbia donato la possibilità di “poter dare voce a chi voce non ce l’ha”, e sottolineando come si debba “lottare contro l’idea che una razza sia dominante rispetto a un’altra“. Per farlo occorre quindi “usare l’amore e la compassione come principi guida”. Convito vegano, l’attore ha parlato anche di “crimini contro gli animali” e ha puntato il dito contro l’egoismo dell’uomo: “Siamo così disconnessi dalla natura, talmente egoisti che andiamo nella natura e la distruggiamo”.

Dai trascorsi burrascosi fra rehab e depressione, Joaquin Phoenix ha quindi ammesso di avere “fatto cose terribili nella vita” e di essere stato “un collega egoista, cattivo e crudele” con cui lavorare. Ma, ha aggiunto ringraziando, “molti di quelli seduti in platea mi hanno dato una seconda opportunità, ed è da qui che viene fuori il meglio dell’umanità”. Poi, prima di lasciare il palco, il tributo al fratello scomparso: “Quando mio fratello aveva 17 anni ha scritto queste parole, ‘Corri verso il rifugio con amore e troverai la pace'”.