Regionali Liguria, M5S: “Avanti con percorso condiviso” 

Pubblicato da in data 9 Febbraio 2020

Regionali Liguria, M5S: Avanti con percorso condiviso

(Foto comunicazione M5s)

Pubblicato il: 10/02/2020 18:49

“Per le regionali in Liguria abbiamo intrapreso un cammino condiviso e trasparente per arrivare all’appuntamento elettorale con un programma concreto e un percorso chiaro e partecipato”. Così in una nota i consiglieri regionali e i parlamentari del M5S Liguria presenti alla riunione alla Camera dei deputati.

“Con il capo politico Vito Crimi, a cui va il nostro più sincero ringraziamento per il lavoro che sta facendo, lo abbiamo ribadito sgombrando il campo da ogni possibile incomprensione di fronte a chi pensa che si vogliano decidere i destini della nostra Regione senza interpellare gli iscritti. Chi ha deciso di abbandonare la riunione lo ha fatto per scelta personale. Domenica ci sarà un’assemblea aperta a tutti, portavoce e attivisti. Lì, ci confronteremo tutti insieme su come continuare questo percorso e con quali proposte per i liguri. Senza fughe in avanti o individualismi”.

ORLANDO – “Noi insistiamo, non facciamo un regalo a Toti – scrive in giornata su Twitter il vicesegretario del Pd, Andrea Orlando -. Ai 5 Stelle diciamo: patto civico, scegliamo insieme un candidato espressione della Liguria migliore. Non abbandoniamo la nostra Regione al declino, all’invecchiamento e alla colonizzazione”.

CRUCIOLI – Intanto, in un post su Facebook dal titolo ‘Elezioni regionali liguri: la melina che fa male al Movimento’, il senatore pentastellato Mattia Crucioli scrive: “Proprio nel momento in cui il Movimento avrebbe avuto maggior bisogno di interrogare i propri iscritti su Rousseau per prendere le proprie decisioni velocemente e democraticamente, si è deciso di non decidere. Con proposta scritta presentata al capo politico da 6 parlamentari liguri su 8 e da 2 consiglieri regionali su 4 si era chiesto di dare immediatamente voce agli iscritti relativamente ad un ‘progetto civico per la Liguria’ finalizzato a sottoporre ad altre forze politiche l’adesione ad un programma elaborato dal Movimento 5 Stelle Liguria, sulla base del quale sostenere alle elezioni Regionali un candidato Presidente civico che si rendesse garante di tale progetto”.

La proposta, racconta il parlamentare grillino, era quella di “un progetto civico che ‘sfidasse’ le altre forze politiche, mettendole alla prova su temi fondamentali del Movimento 5 Stelle Liguria, come la richiesta al governo nazionale di revocare la concessione autostradale ad Aspi, la realizzazione della ‘gronda dei liguri’ invece che quella dei Benetton e il perseguimento di una sanità pubblica efficiente e all’avanguardia. Un progetto – insiste Crucioli – che consentisse ad altre forze politiche di aderire a tali punti programmatici rendendone più facile la realizzazione, che mettesse in moto le migliori energie della Regione, che proponesse una visione alternativa a quella dell’attuale giunta Toti e che non lasciasse nessuno indietro”.

“Ebbene, in esito alla riunione odierna – rimarca il senatore pentastellato – il reggente Vito Crimi ha deciso di rinviare ulteriormente qualsiasi votazione su Rousseau che avrebbe invece rappresentato l’unico strumento per un sereno dibattito ospitando le tesi dei favorevoli e dei contrari a tale progetto civico, consentendo di dirimere la questione con il solo strumento veramente democratico: il voto degli iscritti”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background