Coronavirus, vescovo 98enne paziente più vecchio guarito in Cina 

Coronavirus, vescovo 98enne paziente più vecchio guarito in Cina

(Fotogramma/Ipa)

Pubblicato il: 17/02/2020 14:42

Il vescovo di Nanyang, mons. Giuseppe Zhu Baoyu è il più vecchio paziente guarito dal coronavirus. Il 98enne pastore, racconta AsiaNews, si era ammalato di polmonite da Covid-19 lo scorso 3 febbraio. Dal 12 febbraio è risultato negativo ai test e il 14 febbraio i suoi polmoni non erano più infettati. “Mons. Zhu – racconta ancora l’agenzia di padre Bernardo Cervellera – è stato curato all’ospedale centrale di Nanyang e presentava oltre al virus anche altre malattie come aritmia e versamenti pleurici. È guarito grazie a un catetere per il drenaggio del torace. La guarigione di mons. Zhu ha dell’eccezionale: finora tutti i dottori e gli epidemiologi avevano detto che il coronavirus è fatale per le persone anziane e per i pazienti che sono affetti da altre malattie. La guarigione di mons. Zhu è divenuta un caso in Cina e il ‘Quotidiano del popolo’ gli ha dedicato un articolo e un video”.

Guarita anche una bimba di 2 mesi. La piccola, una delle più giovani ammalate per il coronavirus, è stata dimessa oggi da un ospedale di Chaozhou, nella provincia meridionale cinese di Guangdong. La piccola, che aveva sviluppato una polmonite, è guarita e risulta ora negativa al test.

Provenienti da Wuhan, la bambina e i suoi famigliari erano arrivati in città la scorso 25 gennaio per visitare alcuni parenti. La famiglia – oltre ai genitori anche una nonna e un fratellino – era stata posta in quarantena in una stanza d’albergo, ma si sono tutti ammalati uno a uno. La bambina è stata trovata positiva al coronavirus il 4 febbraio ed è subito stata trasferita nel reparto pediatrico di un ospedale. E’ stata ora dimessa dopo 13 giorni di cure.