Coronavirus, italiano lascia la Cecchignola: “Qui trattati benissimo” 

“Qui siamo stati accolti bene, la struttura è eccezionale per situazioni di questo genere”. Lo ha detto Luciano, uno dei modenesi che ha lasciato la Cecchignola dopo il periodo di isolamento successivo al rimpatrio da Wuhan, ringraziando il personale della cittadella militare per “quello che ha fatto”.

“La gravità della situazione si capiva perché la città era svuotata e hanno iniziato a limitarci nei movimenti”, ha spiegato ricordando i giorni in Cina e sottolineando che “a Wuhan siamo stati quasi 15 giorni per lavoro. Abbiamo avuto tardi la percezione di quello che stava succedendo”.

A chi domanda quale sarà la prima cosa che farà quando rientrerà a casa, Luciano risponde: “Abbracciare i miei piccoli e mia moglie”.