Coronavirus: sul sito del Comune di Codogno lettera aperta al Covid-19 

Pubblicato da in data 25 Febbraio 2020

Coronavirus, sul sito del Comune di Codogno lettera aperta al Covid-19

Pubblicato il: 26/02/2020 14:26

“Caro Coronavirus, come stai”? Inizia così la lettera aperta al Covid 19 scritta da una cittadina anonima e pubblicata sul sito del Comune di Codogno. Una lettera tra ironia e orgoglio per quel popolo “cazzuto” addestrato alle intemperie della vita dove la ‘R’ rulla più che in Francia e per un cinese sarebbe impronunciabile.

“Vorrei soffermarmi sulla tua scelta di arrivare in pianura padana- si legge nella missiva -, nella fattispecie a Codogno. La questione mi tange, sono nata e ho vissuto lì per molti anni, i miei cari ancora abitano lì quindi lasciami il piacere di presentarti Codogno ed i suoi abitanti. Per prima cosa sappi che tutti, ma proprio tutti, abbiamo una meravigliosa R di cui andiamo molto orgogliosi. E non credere a chi ti dice che è la R alla francese o la R di Parma. È la R di Codogno e su questo non si discute! Scommetto che tu, che la R non la sai dire perché sei cinese, farai un po’ ridere chiamandoti Colonavilus e ti presenterai in maniera pomposa come Covid 19”.

Quindi il messaggio di sfida: “Tu lo sai che la gente di quei posti è temprata dalla nascita? Guarda che noi abbiamo la nebbia, il ghiaccio, il Po che fabbrica zanzare, allevamenti a non finire e spesso quello che chiamiamo ‘profumo di campi’ è l’odore del letame usato per concimare! C’è persino una poesia – ricorda l’anonima autrice – dedicata ai nostri mucchi di letame! Abbiamo la fiera del bestiame a novembre e la frequentiamo fin dalla prima infanzia”.

“Andiamo a vedere vacche e suini e ci mangiamo pane e porchetta e il frittellone caldo con un olio talmente esausto che ti lascia odore di fritto fino a Natale! E tutto ciò lo facciamo al freddo”, sottolinea nella lettera. “E tu te ne arrivi a febbraio con la temperatura mite a spaventare sta gente? Suvvia”!

“Un’altra peculiarità di Codogno è che da sempre la gente si lamenta che a Codogno – conclude la lettera – non si organizza niente e se si organizza non c’è risposta. Tu arrivi lì a scatenare l’epidemia? Sei un po’ ridicolo! Ti comunico che, se decidi di prolungare il tuo soggiorno, a maggio si organizza sempre la ciclolonga delle Rose, ti abbiamo fregato ancora con la R. Dammi retta, procurati degli squisiti biscotti Codogno e della buona cotognata e torna da dove sei venuto perché sta gente lombarda è piuttosto cazzuta”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background