Grieco: “Sostenibilità architrave di tutta la strategia Enel” 

Pubblicato da in data 1 Marzo 2020

Grieco: Sostenibilità architrave di tutta la strategia Enel

(Fotolia)

Pubblicato il: 02/03/2020 11:59

La sostenibilità è già oggi l’architrave di tutta la strategia dell’Enel finalizzata sia alla decarbonizzazione che alla elettrificazione dei consumi che fa dell’Enel non solo la grande protagonista della transizione energetica ma un vero e proprio front-runner nel mondo”. Lo afferma Patrizia Grieco, presidente dell’Enel, che in un’intervista a Firstonline, spiega quali sono le novità del nuovo Codice di Corporate Governance delle società quotate italiane, approvato dal Comitato Italiano della Corporate Governance di cui Grieco è presidente.

Le novità del nuovo codice, che entrerà in vigore nel 2021 e varrà per le società quotate, “sono principalmente cinque: la semplificazione della struttura del Codice, che ne facilita l’adozione e l’applicazione; la sostenibilità dell’attività d’impresa, posta al centro dei compiti dei consigli di amministrazione, impegnati a rendere le società meno rischiose e più profittevoli perché considerano l’impatto dell’attività di impresa e i suoi rischi sotto tutti i profili e tengono in considerazione non solo la creazione di valore a beneficio degli azionisti, ma anche gli interessi degli stakeholder rilevanti, in una logica di lungo periodo.

E ancora: “la proporzionalità delle norme in base alle dimensioni delle imprese e al loro modello di controllo, in modo da favorire la quotazione anche delle aziende più piccole e di quelle a forte concentrazione proprietaria; l’engagement, che punta a favorire e rafforzare il dialogo con gli azionisti, al di là delle assemblee e dei road show; la neutralità del Codice rispetto ai diversi modelli societari, tradizionali, monistici o dualistici che siano”.

Il nuovo Codice, spiega Grieco, “riflette la consapevolezza che il successo di un’impresa è sostenibile se non crea valore solo nel breve termine, se tiene in considerazione gli interessi oltre che degli azionisti di tutti gli stakeholder rilevanti per l’azienda, se pone attenzione non solo ai rischi economici e finanziari ma anche a quelli ambientali e sociali e se sa perseguire il profitto in maniera durevole valorizzando tutte le forme di capitale di cui dispone, da quello umano a quello intellettuale, da quello materiale a quello naturale e da quello sociale a quello finanziario”.

In casa Enel, dove la sostenibilità “è già l’architrave di tutta la strategia”, “il nuovo Codice non farà che rafforzare il modo di fare impresa dell’Enel in Italia e nel mondo”. Un’altra battaglia della presidente Enel è la parità di genere e l’avanzamento, a parità di merito, delle donne nelle imprese.

In questo campo, purtroppo, sottolinea la Grieco, “c’è ancora molta strada da fare in Italia e nel mondo per dare alle donne il ruolo che meritano anche sul lavoro. Oltre alla scarsa presenza ai vertici delle società colpisce il gap salariale che penalizza le donne”. La sostenibilità “è anche questo: far sì che le imprese comprendano che la diversità, non solo di genere, è un valore e che l’equilibrio tra i generi non è una concessione ma una condizione che deve essere assicurata a parità di merito”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background