Coronavirus, Gallera: “Trend in calo si conferma in Lombardia” 

Pubblicato da in data 22 Marzo 2020

Coronavirus, Gallera: Trend in calo si conferma in Lombardia

(Foto Afp)

Pubblicato il: 23/03/2020 18:08

“Il trend è in calo, oggi posso dire che il trend in calo si conferma, da tanti punti di vista, forse è la prima giornata positiva, di questo mese duro durissimo, ma non cantiamo vittoria, non è ancora il momento di rilassarci, ma di stare ancora più concentrati che mai”. Lo ha detto l’assessore regionale al Welfare, Giulio Gallera, in videoconferenza parlando dei dati sul coronavirus in Lombardia.

Il numero di nuovi decessi in Lombardia nelle ultime 24 ore è 320, ha detto Gallera sottolineando: “Il trend è in calo, anche se un po’ meno degli altri dati, visto che ieri erano aumentati di 361”. Il numero dei morti sale quindi da 3.456 a 3.776. I contagiati sono 28.761 stati, con un +1.555 di positivi. Ieri l’incremento era di 1.691 e il giorno prima 3.200, con un incremento in discesa.

E’ sceso per la prima volta il numero dei ricoverati in Lombardia, fa sapere Gallera: “Il numero dei ricoverati in Lombardia oggi è 9.266, ieri era 9.439. E’ il primo dato negativo, abbiamo -173 ricoverati”. Il numero dei posti in terapia intensiva in Lombardia è “cresciuto enormemente, a 1.350 posti”, ha fatto sapere ancora Gallera. Si tratta di un numero raddoppiato rispetto ai posti esistenti il 19 febbraio.

“Questa è la giornata che vede maturare i grandi sforzi che abbiamo iniziato a fare”, spiega Gallera aggiungendo subito: “Aspettiamo però i prossimi due giorni, anche se su tre giorni il dato è costantemente in diminuzione e questo è un elemento significativo”. Altro elemento positivo, osserva Gallera, arriva dalle “voci dei territori”, che evidenzia una “riduzione in alcuni casi lieve degli accessi al pronto soccorso. E’ minima, perché negli ospedali in trincea non c’è una riduzione così evidente ma si sta notando che c’è una leggera riduzione”. Il monito di Gallera, però, è che non si “vanifichi” lo sforzo fatto finora, “è il momento in cui dobbiamo intensificarlo”, afferma.

A Bergamo il trend dei positivi al coronavirus “è fortemente diminuito”, fa sapere ancora l’assessore: l’aumento è di 255 a 6.471 totali, ieri erano stati +357. A Brescia, invece, la situazione non cambia: i positivi sono aumentati di 588 unità a 5.905.

“Anche a Milano lo sforzo sta producendo risultati”, ha continuato Gallera in videoconferenza. In provincia di Milano i contagiati sono aumentati di 230 unità a 5.326, ieri era +424: “Anche a Milano si nota un rallentamento, a Milano città da 2039 a 2176, +137, quindi anche a Milano lo sforzo produce risultati”.

“Ogni tanto sentiamo in tv qualcuno che dà giudizi sulla Regione Lombardia. Io la vivo dall’interno e vedo chi si sta spendendo come mai: prima di dare giudizi sulla Lombardia qualcuno dovrebbe essere stato in trincea in Lombardia a lavorare e avrebbe solo rispetto per il lavoro che stiamo facendo”, ha poi affermato Gallera, spiegando che anche sul fronte tamponi, in Lombardia “ne sono stati fatti 73mila, siamo la regione che ha fatto più tamponi in assoluto in Italia. Abbiamo anche bisogno di processarli in maniera tempestiva, li facciamo seguendo i consigli degli esperti”.

“Noi i tampono vogliamo farli, li facciamo a tutti coloro che ne hanno bisogno, in Regione Lombardia vogliamo farli e mirare in maniera selettiva a coloro che ne hanno bisogno” anche ai “medici di medicina generale e ai pediatri” che ne sentono il bisogno, ha continuato l’assessore. “Al personale negli ospedali, a tutti, da oggi prendiamo temperatura e appena hanno 37.5 li mandiamo a fare i tamponi perché al nostro personale sanitario ci teniamo”. Il nostro lavoro non è “fare tamponi random fuori dai supermercati, ma prenderci cura di tutti, che ci sembra più efficace”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Leggi altri articoli

Traccia corrente

Titolo

Artista

Background