Coronavirus, guru ‘super-untore’: 40mila in quarantena in India 

Pubblicato da in data 27 Marzo 2020

Coronavirus, guru 'super-untore': 40mila in quarantena in India

(Afp)

Pubblicato il: 28/03/2020 19:00

Quarantamila persone in quarantena in India, nello stato settentrionale del Punjab, a causa di un guru ‘superuntore’, morto a causa del coronavirus, dopo aver partecipato ad un festival sikh al quale hanno partecipato decine di migliaia di persone. Secondo quanto riferito dalla Bbc, Baldev Singh, 70 anni, aveva ignorato la raccomandazione delle autorità di mettersi in autoisolamento al suo rientro da un viaggio in Italia ed in Germania.

Non solo: qualche giorno prima della sua morte ha partecipato al festival di Hola Mohalla, che dura sei giorni e quotidianamente attira almeno 10mila persone. Una settimana dopo il suo decesso – le cui cause sono state accertate solo post mortem – 19 suoi parenti sono risultati positivi al coronavirus. “Al momento – ha detto un funzionario del Punjab all’emittente britannica – siamo stati in grado di rintracciare 550 persone entrate in contatto diretto con lui e il numero sta aumentando. Abbiamo sigillato 15 villaggi nell’area in cui era stato”, mentre altri cinque in un distretto vicino.

In India i casi confermati di coronavirus sono 640, 30 dei quali nel Punjab, ma gli esperti ritengono che i contagi siano molti di più.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background