Coronavirus, il virologo: “Contro Covid-19 l’inferno benefico della scienza” 

Pubblicato da in data 27 Marzo 2020

Coronavirus, il virologo: Contro Covid-19 l'inferno benefico della scienza

(Afp)

Pubblicato il: 28/03/2020 10:05

“Siamo ottimisti. Dove gli ospedali tengono la malattia è gestibile e la letalità non supera l’1-2%”. A spiegarlo è Guido Silvestri, direttore del dipartimento di Patologia e Medicina di laboratorio della Emory University (Atlanta) in un’intervista a ‘La Repubblica’. “Anche se siamo tormentati da brutte notizie e scemenze complottiste, centinaia di laboratori e ospedali del mondo stanno scatenando contro Covid-19 l’inferno benefico della scienza“, aggiunge Silvestri.

Dovremmo essere più ottimisti? “Sì, non siamo di fronte alla peste del ‘300. Oggi scienza e virologia ci mettono a disposizione grandi tecnologie – risponde il virologo – Abbiamo farmaci, anticorpi e vaccini allo studio. E poi molte zone del mondo tengono, come il Sud Italia. Con le misure adottate già da tempo, spero che Roma e Napoli non vivano l’ondata della Lombardia”. Perché alcune zone tengono? “Un fattore può essere il caldo. Spiegherebbe perché sotto Marche e Toscana l’epidemia sembra colpire meno – osserva Silvestri – Basta guardare una cartina della Terra per notare che a sud c’è meno virus, pensiamo al Sud-est asiatico. L’autunno sarà la controprova”.

Ma le curve italiane stentano a scendere. “Non possiamo deprimerci per cifre rappresentative solo in parte. Da un giorno all’altro variano i tamponi, come può essere disomogeneo il calcolo delle vittime – ricorda Silvestri – Misure prese oggi fanno effetto tra due settimane, in termini di morti. Vedendo solo le cose negative finiremo preda di bufale e complottismi, invece l’epidemia va affrontata con razionalità“. Infine, secondo il virologo per spiegare l’alto numero di decessi in Lombardia bisogna considerare che “il virus è entrato presto e si è diffuso parecchio, prima che lo scoprissimo. Poi c’è la popolazione anziana, nonni e nipoti con contatti frequenti. Il sovraccarico ospedaliero ha inciso. Ipotizziamo appunto il ruolo del freddo – conclude – Milano e Roma sono rimaste collegate per settimane, quando il virus circolava sottotraccia, eppure i contagi sono differenti”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background