Sindaco Nerola: “Riaprire zona rossa”. Via libera dall’assessore 

Sindaco Nerola: Chiediamo di riaprire zona rossa

Fotogramma

Pubblicato il: 11/04/2020 11:41

“Per Nerola potrebbe aprirsi una nuova fase. In questo periodo, sono stati effettuati quasi 900 tamponi, circa la metà della popolazione, e sono stati toccati tutti i nuclei familiari. Il risultato è stato un numero sparuto di positivi”. Lo dichiara il sindaco di Nerola Sabina Granieri chiedendo alla Regione Lazio di riaprire la zona rossa da martedì 14 aprile.

“Lo studio effettuato, quindi, ha evidenziato una delimitazione del focolaio. Visti questi dati, possiamo affermare che grazie anche ai tamponi eseguiti e al rispetto rigoroso delle regole, il contagio si è limitato alla casa di riposo – continua – Perciò, in sostanza Nerola è negativa. Per noi ciò rappresenta un segnale positivo e una boccata d’ossigeno, i numeri dimostrano che non siamo “untori”, come qualcuno erroneamente sosteneva all’inizio”.

“Ora, in virtù di tutti questi aspetti, chiediamo al presidente della regione Lazio Zingaretti e all’assessore D’amato di riaprire da martedì 14 aprile la zona rossa, che non ha più senso di esistere, considerati i numeri e i dati emersi – sottolinea – Naturalmente, la nostra comunità, come ha ben dimostrato finora, continuerà a mantenere alta l’attenzione rispettando le regole, come d’altronde tutta Italia deve fare”.

“In questo momento, voglio ringraziare la cittadinanza per il grande senso di responsabilità e l’istituto Spallanzani, per il sostegno dato e per aver davvero preso a cuore il nostro territorio”, sottolinea il sindaco di Nerola.

“Inoltre la nostra riconoscenza – conclude – va alla Questura di Roma, ai Carabinieri di Monterotondo e Nerola, alla guardia di Finanza, al’esercito, alla Polizia locale di Roma Capitale, alla nostra polizia locale e naturalmente a tutti i volontari della Protezione Civile”.