Tentano marcia verso San Pietro, fermati militanti Forza Nuova 

Tentano marcia verso San Pietro, fermati militanti Forza Nuova

Fotogramma /Ipa

Pubblicato il: 12/04/2020 13:34

Sei militanti di Forza Nuova sono stati fermati e identificati dalla polizia davanti alla Basilica di Santa Maria Maggiore, a Roma. Tra gli identificati c’è anche il leader romano Giuliano Castellino. Il movimento aveva annunciato che avrebbe condotto una marcia fino a San Pietro. I sei, identificati dalla Digos, verranno sanzionati per la violazione delle misure per il contenimento del coronavirus.

“Siamo riusciti a violare la quarantena e gli arresti di massa e ‘conquistare’ la piazza della Basilica di Santa Maria Maggiore, la Chiesa dei romani, dove i nostri connazionali si ritrovavano nei momenti di guerra e nei momenti più duri”. Queste le parole di Castellino.

“Abbiamo deciso di ‘occupare’ il sacrario della Basilica dei capitolini per lanciare la sfida di libertà contro la dittatura cinese di Conte – spiega Castellino – Qui siamo stati fermati, portati in Questura, identificati e multati, perché sacerdoti e vescovi noncuranti della loro missione hanno pensato bene di cedere alla dittatura sanitaria dell’OSM e del potere cinese di Conte. In assenza di Messa volevamo recitare un Rosario per la Santa Pasqua. Abbiamo esposto uno striscione con uno slogan semplice, ma dal chiaro significato: LIBERTÀ! Perché oggi è stato solo un primo passo. La prima battaglia di una ‘guerra’ più lunga e faticosa che ci deve vedere impegnati nella riconquistata di tutte le libertà perdute”.