Coronavirus, Delrio: “Paese corra insieme, poi parleremo di errori” 

Pubblicato da in data 14 Aprile 2020

Coronavirus, Delrio: Paese corra insieme, poi parleremo di errori

Immagine di repertorio (Fotogramma)

Pubblicato il: 15/04/2020 09:17

E’ una crisi unica nella storia della sanità moderna, che ha presentato situazioni difficili da affrontare, ci sarà modo per analizzare poi gli errori che sono stati commessi, i ritardi che ci sono. Adesso però bisogna correre con piani coordinati di sicurezza per le persone che torneranno al lavoro, piani che tutelino la salute, specialmente dei nostri anziani che sono più esposti, piani che diano l’idea di un Paese che si muove insieme”. Lo ha affermato il capogruppo del Pd alla Camera, Graziano Delrio, ospite di ‘Radio anch’io’ su Radiouno Rai.

Quanto al “Mes è una disponibilità, secondo me è un successo averlo ottenuto senza condizionabilità, ammesso che sia così. E’ un grande successo per il Paese, serve a sostenere il sistema sanitario, il governo ci dirà se ne ha bisogno o se non ne ha bisogno. Certo, non può dire di non averne bisogno e poi magari dire che non finanzia alcune cose perché non ci sono le risorse”, sottolinea Delrio per il quale “l’emissione dei bond è il nostro vero obiettivo, lavoriamo tutti uniti intorno al presidente del Consiglio perché si porti a casa questo obiettivo, ma non buttiamo a mare la disponibilità di miliardi per la nostra sanità pubblica”.

“Noi abbiamo proposto due settimane fa una cabina di regia unica, con Comuni, Regioni, esperti sanitari, economici, sociali. Il presidente Conte per ora ha pensato di fare un pezzo di questa cabina di regia con degli altri esperti, prendiamo atto, però cerchiamo di arrivare rapidamente alle conclusioni, gli altri Paesi hanno già dei piani di riapertura”, ha aggiunto il capogruppo del Pd secondo il quale “ci vuole un coordinamento vero. Il presidente del Consiglio deve fare la sintesi, credo che sia impegnato a farlo, credo che il coordinamento vero vada fatto a palazzo Chigi, è necessario che Palazzo Chigi coordini tutta l’attività dei ministeri, della Protezione civile”.

“E giusto – ha detto ancora – che la magistratura faccia le sue indagini, ma credo che politicamente nessuno di noi oggi voglia fare polemica con una Regione o con un’altra. Cerchiamo di coordinarci al meglio, poi ogni Regione ha diverse situazioni, vanno tenute presenti. Nel Mezzogiorno la situazione è diversa rispetto alla’Emilia, alla Lombardia e al Veneto”.


Opinioni dei lettori

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato sul nostro sito.* campo obbligatorio.



Traccia corrente

Titolo

Artista

Background